martedì 5 febbraio 2019

Copperman al cinema il 7 febbraio



“Le cose non sono mai quelle che sembrano e neanche io sono quello che sembro”.  
Copperman ovvero Anselmo, è un uomo che viaggia nel mondo con l’innocenza di  un bambino e il cuore di un leone. Abbandonato dal padre, che lui crede un supereroe, Anselmo vive con la madre (Galatea Ranzi) che a forza di ripetergli  quanto sia “speciale”, se ne è convinto anche lui. E proprio come Forrest Gump ha   conservato nel tempo una purezza infantile e il candore disarmante di chi non   conosce la diffidenza. Il suo grande amore è Titti (Angelica Bellucci/Antonia Truppo)   conosciuta a scuola alle 10, 34 minuti e 12 secondi di un giorno speciale e poi  inghiottita da un’assenza troppo lunga. E poi c’è Silvano (Tommaso Ragno), il fabbro   del paese, arrivato non si sa da dove, suo padre putativo e mentore. Uno che ha  poche parole e una pistola. E che è diventato suo amico dalle 11 e 47 minuti del 12   aprile 1991. Grazie a lui, Anselmo diventa Copperman. 
Prodotto da Eliofilm con Rai Cinema, in associazione con NotoriusPictures, il film   sarà nei cinema dal 7 febbraio. Copperman è una moderna favola per adulti,  l’avventura di uomo che vive il sogno di un bambino. Attraverso i suoi occhi la realtà  assume i colori delle fiabe, uno sguardo che neanche la vita nei suoi aspetti più crudi  
riuscirà a intaccare. 
Diretto da Eros Puglielli (“Tutta La conoscenza del mondo”, “Occhi di cristallo”,  “Nevermind”), il film è sceneggiato da Mauro Graiani, Riccardo Irrera,       Paolo Logli,  
Alessandro Pondi e accompagnato dalle musiche di Andrea Guerra. Protagonista è   
Luca Argentero (“Saturno contro”, “Poli Opposti”, “Il grande sogno”, “A casa nostra”  
fra gli altri) con Antonia Truppo (“Lo spazio bianco”, “La doppia ora”, David di   Donatello per “Lo chiamavano Jeeg Robot” e “Gli indivisibili”), Galatea Ranzi (“La  
grande bellezza” e “La ragazza nella nebbia” fra i più recenti), Tommaso Ragno (“La   Pazza gioia”, “Lazzaro Felice”, “1993” e “Il Miracolo” per la tv), Gianluca Gobbi ("Dogman" e "La profezia dell'armadillo" i suoi timi film e il ruolo di Paolo Villaggio in "Fabrizio De André, Principe libero") e i piccoli Sebastian Dimulescu e Angelica Bellucci.


Fabrizio Del Bimbo

Nella foto il  regista e i protagonisti  al cinema Principe 

venerdì 25 gennaio 2019

LA BELLA ADDORMENTATA sabato 26 gennaio 2019 ore 20,45 al Teatro Verdi via Ghibellina 99 Firenze


LA BELLA ADDORMENTATA


UN BALLETTO DEL SUD
LA BELLA ADDORMENTATA
in due atti

musiche Pëtr Il'ič Čajkovskij
coreografie FREDY FRANZUTTI
scene Francesco Palma


Prima ancora di Charles Perrault, fu l’italiano Giambattista Basile nella raccolta Lo cunto de li cunti a narrare la storia di una principessa addormentata per un incantesimo. Da qui l’idea di Franzutti, uno dei coreografi più noti nel panorama nazionale, di riportare nel sud del paese le disavventure della bella principessa Aurora. La Principessa Aurora è quindi, nell’edizione di Franzutti, una fresca ragazza mediterranea a cui una vecchia maga predice un atroce destino. Sarà la magia della zingarella Lilla e il bacio d’amore di un principe-antropologo sulle orme della leggenda a destare la fanciulla dal suo sonno centenario. Per la leggibilità della drammaturgia, per l’efficacia dell’ambientazione e per la viva caratterizzazione dei personaggi, lo spettacolo ha raccolto, sin dalle prime rappresentazioni del 2000, la piena adesione di pubblico, ed è stato ampiamente lodato dalla critica. Gli assieme dei danzatori nella brillante realizzazione delle scene più festose e l’accurata esecuzione dei protagonisti hanno contribuito al successo dello spettacolo.

«Un’idea legittima e funzionante quella di Fredy Franzutti, la sua personale versione del balletto LA BELLA ADDORMENTATA ambientato nel Salento. Questo, non soltanto riporta nel Meridione mediterraneo una fiaba/mito di chiaro tipo stagionale (la morte e la resurrezione annuale della Natura), che certo nacque da queste parti; ma gli permette una vera botta di teatro, e cioè la sostituzione della puntura del consueto fuso con il morso della tarantola locale. Da qui, l’arrivo della vecchia fattucchiera malevola, che pratica soltanto magia bianca. E sarà lei a trasformare la morte di Aurora, morsa dalla tarantola, nel lungo sonno collettivo di tutto il palazzo e del bosco di ulivi. Di qui le belle danze che vorrebbero esorcizzare il maleficio della tarantola. Un balletto ricco, vistoso, pieno di avventure realizzato da Franzutti con geniale efficacia ed essenzialità drammaturgiche con ballerini di alta qualità..» Vittoria Ottolenghi – L’Espresso

PREVENDITE
Punti vendita www.boxofficetoscana.it/punti-vendita tel 055.210804
ONLINE su www.ticketone.it tel. 892.101.

INFO
Teatro Verdi – via Ghibellina 99 – Firenze - Tel 055.212320 www.teatroverdifirenze.it



ANTICO TEATRO PAGLIANO
Via Ghibellina 101 50122 Firenze
Tel 055-21.34.96 - Fax 055-29.13.70 

DEL BIMBO FABRIZIO

venerdì 4 gennaio 2019

ALIS Christmas Gala al TuscanyHall il 4, 5 e 6 gennaio


Per il pubblico di Firenze ALIS Christmas Gala sarà uno show unico al mondo ed entusiasmante, tra le meraviglie di artisti “Maîtres” di equilibrismo, contorsionismo, trapezio, acrobatica, giocoleria, comicità e anche musica. Un cast senza precedenti e con tante novità. Quasi 2 ore di emozioni, senza interruzioni e senza usare animali.
Dopo lo straordinario successo registrato lo scorso inverno - cinque repliche e altrettanti sold-out – torna da venerdì 4 a domenica 6 gennaio 2019, al TuscanyHall (ex Obihall) di Firenze, lo spettacolo dei record ispirato al romanzo fantastico “Alice nel paese delle meraviglie”.
Due repliche al giorno (venerdì 4 ore 16.30 e 20.45; sabato 5 ore 16.30 e 20.45; domenica 6 ore 15 e 18) per tornare ad abbracciare il pubblico toscano.
Lo show è anche l’anteprima del prossimo tour europeo che debutterà in Svizzera nell’aprile 2019.
Solo il filo conduttore che ha contribuito al grande successo di questa produzione, applaudita da 150.000 spettatori, non cambia: il viaggio immaginario e suggestivo alla scoperta delle qualità umane, ispirato dalla letteratura fantastica dell’800.

In scena i migliori artisti del mondo provenienti dal Nouveau Cirque e dal Cirque du Soleil, un “dream team” che vanta un palmares impressionante di premi internazionali, migliaia di esibizioni in oltre 50 Paesi, in programmi televisivi, in eventi speciali di risonanza mondiale.

Sul palco saranno in 24, dei quali quattro italiani. Gli altri arrivano da Stati Uniti, Canada, Hong Kong, Francia, Ucraina, Taiwan, Mongolia.
Presentano 14 numeri aerei e a terra eccezionali. Alcuni di questi atti sono inediti e al debutto mondiale, creati appositamente per questo spettacolo.





IL CAST
Ulziibuyan Mergen, pratica già da bambina le arti del contorsionismo ed equilibrismo sulle mani. A soli 11 anni è con il Cirque du Soleil e gira il mondo per 15 anni. E’ tra i più grandi artisti al mondo e Le Cirque World’s Top Performers l’ha accolta nel suo cast stellare con un numero fantastico creato in esclusiva per ALIS.
Waz’O, il Duo Trapeze applaudito in tanti show internazionali tra cui “Totem” e “Varekai” del Cirque du Soleil, e che per Alis ha unito esperienza e talento per ideare un nuovo numero aereo in cui si spingono oltre i propri limiti.
Duo Lyrical Lyra, in una performance spettacolare, pericolosa e sensuale con acrobazie incredibili. Hanno lavorato in Illumination, Cirque Dreams, Ezuru, Cirque Noel negli Stati Uniti, in OhLaLa del regista Rolf Knie e in grandi show in Inghilterra, Germania e Svizzera.
Pippo Crotti, Il comico e attore che ha iniziato con Gabriele Cirilli, che si è esibito in 1.500 repliche di “Totem” del Cirque du Soleil, che è sulle reti Mediaset nella serie comica “My Name is Pippo” e in “Squadra Mobile”, su Sky con Fiorello in “Edicola Fiore”, su Rai Uno nel film “Aldo Moro – Il professore” e al cinema con Checco Zalone nel film campione d’incassi “Quo Vado?”. Ma per ALIS farà qualcosa di inimmaginabile, tra “eventi incontrollabili”.
Andrea Cerrato, un altro nuovo talento selezionato da Le Cirque World’s Top Performers che è appena entrato nel Guinness mondiale dei Record. La sua specialità è la “Ruota Cyr” ed è stato scelto tra 52 candidati da Valerie Inertie, un’eccellenza mondiale di questa disciplina. Uscito dalla Scuola di Circo di Torino, Andrea esegue un numero speciale ideato per ALIS, confermandosi una vera rivelazione grazie alle sue doti di grande ballerino.

LE SUPERSTAR
Viktor Kee, definito “Il giocoliere e l’acrobata perfetto” con un numero unico al mondo; Yves Decoste, una leggenda vivente, incredibile nel suo “Hand to Hand” eseguito con la talentuosa artista francese Delphine Cezard; Onofrio Colucci, un altro protagonista nel Cirque du Soleil, ma anche nel celebre Slava’s SnowShow. Per ALIS, oltre ad essere direttore artistico, sarà in scena come Maestro di Cerimonia; Asia Tromler nel ruolo di ALIS, presa quando aveva solo 16 anni per il suo grande talento e diventata oggi una Top Performer internazionale, come dimostrerà anche nel nuovo emozionante numero ai tessuti aerei, con gli occhi bendati a 9 metri d’altezza; Lili Chao Rigolo, che lascia tutti con il fiato sospeso usando una piuma e tredici rami di palma; Anatoliy Zalevskyy un maestro di acrobazia, equilibrio ed eleganza, con un atto che lo ha proclamato tra i migliori in assoluto. E poi gli scatenati ex olimpionici I-Team al TrampoWall, un’incredibile combinazione tra sport e arte circense ai limiti delle capacità umane.

LE MUSICHE
Novità anche nella colonna sonora originale, composta dai musicisti italiani La Femme Piège e da due artisti del cast di immenso talento che sul palco si esibiscono dal vivo: Rose Winebrenner, cantante e musicista e Guilhem Desq, compositore e suonatore di uno strumento millenario: la Ghironda.

LA SCENA
Le nuove scenografie portano sempre la firma del grande maestro e artista contemporaneo Ugo Nespolo, così come gli effetti speciali e le luci, completamente ridisegnate, sono di Alessandro Verazzi, light designer di livello internazionale.
Per coinvolgere ancora di più lo spettatore, valorizzare ogni singola performance e i Top Performers, sono state adottate soluzioni all’insegna dell’innovazione tecnologica. Luci di nuova generazione e un ciclorama di 13 metri x 5,50 di altezza come fondale, che circonda tutto lo spazio scenico. Un’altra novità è il tappeto da palco circolare coordinato con la grafica delle quinte, che renderà la scena ancora più suggestiva.
BIGLIETTI E PREVENDITE
Posti numerati da 33 a 71 euro (agevolazioni per bambini e famiglie, secondo il settore scelto)
Prevendite nei punti Box Office Toscana (www.boxofficetoscana.it/punti-vendita) e online su www.alisticket.it e www.ticketone.it.

PROGRAMMAZIONE ALIS CHRISTMAS TOUR 2018-2019
FIRENZE - TUSCANYHALL TEATRO DI FIRENZE (ex OBIHALL)
Venerdì 4 gennaio ore 16.30 e 20.45
Sabato 5 gennaio ore 16.30 e 20.45
Domenica 6 gennaio ore 15.00 e 18.00

Nicoletta Curradi

sabato 15 dicembre 2018

Le proposte di gennaio al Teatro Verdi di Firenze

GENNAIO 2019 AL TEATRO VERDI


Da martedi 2 a martedì 15 gennaio ore 20,45
( riposo 9 gennaio)
PANARIELLO CONTI PIERACCIONI
VERSIONE TEATRALE
“Ci rivedremo dopo un anno e mezzo di stop – spiega il trio – con uno spettacolo pensato per il teatro. Anche noi ci adegueremo, saremo più eleganti. Riprenderemo lo show portato nei palazzetti, ma con nuove situazioni e nuovi personaggi. Saranno due ore di risate. E per noi che siamo sul palco sarà il massimo della soddisfazione”
PREZZI INTERI euro 72/64/53/42/35

da venerdì 18 a domenica 20 gennaio
ore 20,45 – domenica ore 16,45
PRISCILLA LA REGINA DEL DESERTO
di STEPHAN ELLIOTT e ALLAN SCOTT
regia italiana di MATTEO GASTALDO
Tratto dall'omonimo film cult Premio Oscar e vincitor del Gran Prix du Publique al Festival di Cannes, Priscilla è una travolgente avventura "on the road" di tre amici che, a bordo di un vecchio bus rosa soprannominato Priscilla, partono per un viaggio attraverso il deserto australiano alla ricerca di amore e amicizia, finendo per trovare molto di più di quanto avessero mai immaginato.
PREZZI INTERI euro 59/49/39/28


domenica 20 gennaio ore 11,00
GERONIMO STILTON
Nel Regno della Fantasia
regia italiana di MATTEO GASTALDO
Tratto dall’omonimo libro di Geronimo Stilton “Geronimo Stilton nel regno della fantasia” torna il musical che ha conquistato le famiglie nei grandi teatri italiani, dopo il grande successo internazionale e i sold out delle passate stagioni in tutta italia.
PREZZI INTERI euro 39/34/29/19


sabato 26 gennaio ore 20,45
BALLETTO DEL SUD
LA BELLA ADDORMENTATA
musica di PËTR IL’IČ ČAJKOVSKIJ
coreografie FREDY FRANZUTTI
Questa originale versione di LA BELLA ADDORMENTATA ha raccolto sin dalle prime rappresentazioni del 2000, la piena adesione di pubblico, per la leggibilità della drammaturgia, per l'efficacia dell'ambientazione e per la viva caratterizzazione dei personaggi.  Lo spettacolo è stato ampiamente lodato dalla critica ed ha replicato con successo in prestigiosi festival e teatri in Italia e all'estero.
PREZZI INTERI euro 34/27,50/20,50  


da mercoledì 30 gennaio a domenica 3 febbraio
ore 20,45 – sabato ore 16,45 e 20,45 - domenica ore 16,45
LUCA WARD - PAOLO CONTICINI - SERGIO MUNIZ - SABRINA MARCIANO
MAMMA MIA!
regia MASSIMO ROMEO PIPARO
Il travolgente musical con le musiche ed i testi scritti da BENNY ANDERSSON e BJÖRN ULVAEUS ha fatto ballare il mondo intero per tre generazioni. Nel nuovo allestimento italiano verrà rivisitato e presentato al pubblico con nuove scenografie e costumi ed oltre 30 persone in scena insieme ad un’orchestra dal vivo che farà risuonare le magiche note del pop internazionale degli ABBA
PREZZI INTERI euro 55/40/31/26

PREVENDITE
tel 055.210804
ONLINE su www.ticketone.it tel. 892.101.

INFO
Teatro Verdi – via Ghibellina 99 – Firenze - Tel. 055.212320 www.teatroverdifirenze.it

Fabrizio Del Bimbo

Raf e Tozzi in concerto insieme a Firenze




Raf e Umberto Tozzi saranno insieme in concerto al Mandela Forum di Firenze
Primo tour insieme, dopo l’uscita del cofanetto “Raf Tozzi”
Biglietti disponibili da oggi
RAF TOZZI
Giovedì 16 maggio 2019 – ore 21
Nelson Mandela Forum – piazza Berlinguer – Firenze
Biglietti posti numerati da 26,09 a 65,22 euro
Prevendite Box Office Toscana www.boxofficetoscana.it -  www.ticketone.it (tel. 892 101)
Info tel. 055.667566 – www.bitconcerti.it - www.fepgroup.it

Fermerà giovedì 16 maggio 2019 al Mandela Forum di Firenze il tour che vede per la prima volta insieme Raf e Umberto Tozzi, due artisti che hanno fatto la storia della musica italiana.
I biglietti (posti numerati da 26,09 a 65,22 euro) sono disponibili da oggi nei punti Box Office Toscana (www.boxofficetoscana.it/punti-vendita tel. 055.210804) e online su www.ticketone.it (tel. 892.101). Info tel. 055667566 – www.bitconcerti.it e www.fepgroup.it.
Radio Italia è radio ufficiale del tour.
Occasione unica per cantare e ballare insieme al pubblico sulle note dei loro successi, che hanno conquistato intere generazioni, in Italia e all’estero. Quando un anno fa Raf e Umberto Tozzi, amici da una vita, si sono ritrovati sul palco dell’Arena di Verona in occasione del concerto-evento di Tozzi “40 Anni Che Ti Amo”, in entrambi si è acceso l’entusiasmo di tornare a collaborare, di cantare insieme, di condividere lo stesso palco.
Il tour segue la pubblicazione del cofanetto “RAF TOZZI”, uscito per Sugar, distribuzione Artist First. Il doppio disco raccoglie ricordi ed emozioni, 34 tracce diventate intramontabili, a partire da “Gloria” che con i suoi 32 milioni di copie proiettò Umberto Tozzi ai primi posti delle classifiche americane, e “Self Control” di Raf, uno dei brani italiani più famosi di sempre, pubblicato in oltre 21 paesi nel mondo. E ancora, “Si può dare di più” –  scritto da Giancarlo Bigazzi, Umberto Tozzi e Raf vincitore del Festival di Sanremo 1987 nell'interpretazione dello stesso Tozzi con Enrico Ruggeri e Gianni Morandi, “Io camminerò”, “Ti Pretendo”, “Ti Amo”, “Cosa resterà degli anni 80”, “Sei la più bella del mondo”, “Immensamente”, “Io muoio di te”, “Infinito” e altre perle dai rispettivi repertori.
Si aggiungono anche due bonus track del brano “Gente di Mare”, l’originale in versione rimasterizzata e una seconda in veste speciale “Gente Di Mare – New Version 2018”. Il brano è stato cantato da Raf e Umberto Tozzi nel 1987 all'Eurofestival, classificandosi al terzo posto ed è rimasto per 27 settimane nelle classifiche italiane.
Intanto è in radio e su tutte le piattaforme digitali l’inedito “Come una danza” (Friends & Partners/Artist First), brano scritto e prodotto da Raf, e pensato per essere arricchito dalla collaborazione a due voci con Tozzi.
Il brano è accompagnato da un video diretto da Gaetano Morbioli, visibile online sul canale RafTozziVEVO: https://youtu.be/citPKyRdX6Q. Nel video, i due artisti camminano contro corrente, attorniati da una folla di persone che, in un primo momento, si dirige nella direzione opposta alla loro. È un contrastare le avversità del quotidiano, cercando e trovando una direzione e una positività anche quando non sembra essere presente.
Info spettacolo
Nelson Mandela Forum – piazza Berlinguer – Firenze
Info tel. 055.667566 – www.bitconcerti.it - www.fepgroup.it
Biglietti posti numerati (esclusi diritti di prevendita)
1° Settore € 65,22
2° Settore € 60,87
3° Settore € 53,91
4° Settore € 47,83
5° settore € 39,14
6° settore € 34,78
7° settore € 26,09
Prevendite
Nei punti www.boxofficetoscana.it/

Punti-vendita online 
su www.ticketone.it (tel. 892.101)


Fabrizio Del Bimbo

giovedì 13 dicembre 2018

Arte digitale: "Bosch, Brueghel, Arcimboldo agli Arsenali di Pisa


La mostra spettacolo, inaugurata il 14 novembre a Pisa, è stata presentata a palazzo del Pegaso. Resterà aperta fino al 26 maggio. Eugenio Giani: “La mostra agli Arsenali rende Pisa città d’Europa”; Antonio Mazzeo: “Unisce bellezza dell’arte, capacità di saper innovare e di fare impresa”

Immagini, musiche e tecnologia per la mostra spettacolo di arte digitale dedicata a Bosch, Brueghel, Arcimboldo, inaugurata a Pisa agli Arsenali Repubblicani e che andrà avanti fino al 26 maggio 2019. Lesposizione  è stata presentata, questa mattina giovedì 13 dicembre a palazzo del Pegaso.


Si tratta di 30 minuti di spettacolo con oltre duemila immagini e musiche che vanno dai Carmina Burana di Carl Orff a Le quattro stagioni di Vivaldi fino alla versione tributo del 2012 di Stairway to Heaven dei Led Zeppelin. La regia è costruita da Gianfranco Iannuzzi, Renato Gatto eMassimiliano Siccardi, con la colonna sonora capace di coinvolgere, travolgere ed emozionare, curata da Luca Longobardi.

Questa mostra agli Arsenali rende Pisa città dEuropa - ha detto il presidente dellAssemblea toscana Eugenio Giani -. Sirilegge con gli occhi di oggi quel surrealismo onirico straordinario che illuminò quella corrente artistica, post rinascimentale, fondata sulla creatività di una realtà immateriale che diventa materiale attraverso la dimensione del sogno e della fantasiaLe scene oniriche e surreali, colme di personaggi bizzarri fanno vedere mondi incantati dei quali viene il desiderio di varcare la soglia per un viaggio tra universi affascinanti che il visitatore potrà scrutare nei minimi dettagli come solo uno studioso con la sua lente di ingrandimento a pochi millimetri dalla tela.

Antonio Mazzeo dellUfficio di Presidenza del Consiglio regionale  ha ribadito che “la mostra è un vanto non solo per Pisa, ma per tutta la Toscana”. “Si mettono insieme - ha detto Mazzeo - la bellezza dellarte con la capacità di saper innovare e di fare impresa; si uniscono larte del passato con la potenza del digitale del presente e del futuro. In questo luogo magico si coniugano storia, bellezza, qualità e innovazione.

Alchimia, religione e astrologia; vanità, tentazioni e vizi sono i temi raffigurati da Bosch, Brueghel e Arcimboldo con un acuto senso del dettaglio che circondano il visitatore a 360 gradi. Lo spettacolo - diviso in tre tempi - si apre con un prologo ispirato alla creazione del mondo di Bosch - Il Giardino delle delizie - e si dipana sulle pareti, sulle vetrate e il pavimento che diventano la tela di opere quali Ascesa all’Empireo (1500, Bosch), Il giardino dell’Eden e la Caduta dell’uomo (1615 ca., Brueghel e P.P Rubens), Paesaggio fluviale (Brueghel), Allegoria della Musica(Brueghel), Terra (1570 ca., Arcimboldo), Il Giudizio universale (Bosch), Torre di Babele (1563, Pieter Brueghel il Giovane), Primavera (Arcimboldo), Quattro stagioni in una testa (1590 ca., Arcimboldo).

“La tecnologia si mette al servizio dell’arte – ha ribadito Paolo Pesciatini,  assessore al turismo del Comune di Pisa  e lo spettatore viene proiettato nel mondo visionario di questi tre grandi maestri, entra nellopera darte e la può godere attraverso un dialogo sinestetico.  





Con il patrocinio della Regione Toscana e del Comune di Pisa, la mostra è prodotta in Italia dal Gruppo Arthemisia Sensorial Art Experience e con il supporto di Banca di Pisa e Fornacette ed ha avuto oltre 650mila visitatori.

Presenti in conferenza stampa anche la presidente del Gruppo Arthemisia Iole Siena che ha raccontato la genesi della mostra, nata a Carrière de Lumières Les Beaux di Provenza e gli autori dello spettacolo Massimiliano Siccardi e Luca Longobardi.

Nicoletta Curradi 

venerdì 23 novembre 2018

Firenze candidata UNESCO per l'artigianato



Firenze diventerà il luogo dell’artigianato di qualità con la candidatura a Città creativa UNESCO e una Mostra Internazionale dell’Artigianato completamente rinnovata che, ispirandosi alle celebri edizioni degli anni Cinquanta e Sessanta, punterà tutto su un perfetto mix fra storia e nuove tendenze.
Di questo si è parlato stamani mattina in Sala d'Arme a Palazzo Vecchio alla conferenza stampa con l'assessora allo Sviluppo Economico del Comune di Firenze Cecilia Del Re, il presidente di Firenze Fiera, Leonardo Bassilichi, in diretta skype, il prof.Giuseppe Lotti del Dipartimento di Architettura e Design dell'Università di Firenze, Tamara Ermini e Gabriele Maselli.

«Firenze e il vero artigianato sono da sempre legati indissolubilmente, per questo abbiamo la fortuna di avere professionisti che con innovazione e creatività producono lavorazioni artistiche uniche. Firenze Fiera, con la nuova Mostra, da quest’anno rappresenta una piattaforma per rilanciare lo sviluppo del bello e fatto a mano. Lo possiamo fare perché siamo nella città giusta che, per retaggio e vocazione, tornerà a essere il centro italiano e internazionale di queste lavorazioni», ha detto il presidente di Firenze Fiera, Leonardo Bassilichi.
«Abbiamo lavorato con Firenze Fiera e tutto il mondo dell’artigianato fiorentino per rilanciare e riposizionare la Mostra dell’artigianato», ha aggiunto l’assessora allo Sviluppo economico e turismo del Comune di Firenze, Cecilia Del Re. «Per questo, abbiamo deciso di presentare la nuova edizione della mostra insieme al lavoro fatto per la candidatura di Firenze a Città creativa Unesco per l’artigianato. Un lavoro di squadra, portato avanti con l’Università di Firenze e lo stesso mondo dell’artigianato. Crediamo che questi due lavori debbano andare di pari passo: il rilancio della fiera e la “Mostra in città” saranno parte dell’insieme di progetti con i quali presenteremo Firenze per arrivare a questo importante riconoscimento», ha sottolineato l’assessora Del Re.
Sei progetti per diventare Città creativa UNESCO 2019
La candidatura di Firenze a Città creativa Unesco, portata avanti dall’assessorato allo Sviluppo economico del Comune di Firenze con il dipartimento Dida della Facoltà di Architettura dell’Università di Firenze, punta a valorizzare le competenze artigiane del territorio e promuovere, su scala internazionale, l’artigianato fiorentino. In totale sono sei le idee progettuali elaborate, corredate da un piano finanziario, che prevedono la creazione di una ‘casa delle eccellenze’ nel centro storico per esporre e vendere i prodotti degli artigiani fiorentini, uno sportello di assistenza per le nuove imprese artigiane, ma anche l’Erasmus degli artigiani, la realizzazione di una mappa e di un archivio digitali delle realtà attive sul territorio metropolitano e la creazione di una rete turistica diffusa lungo i luoghi dell'artigianato.
I progetti, già condivisi con i comuni della Città metropolitana, sono sviluppati da sei gruppi di studenti selezionati dalle cinque scuole legate alla creatività presenti in città: Ied, Isia, Polimoda, Università di Firenze e Accademia di belle arti. La candidatura coinvolge inoltre le associazioni, gli organismi e i soggetti legati al settore dell'artigianato nel territorio fiorentino. Sono circa 50 i soggetti che hanno partecipato attivamente agli incontri e agli otto tavoli tematici che si sono svolti a partire dall’aprile scorso per l’individuazione delle sei linee progettuali da proporre per il bando 2019. 
Una Mostra che cambia e punta tutto sull’eccellenza
Nei 55mila metri quadri espositivi dell’83esima edizione della Mostra Internazionale dell’Artigianato, MIDA2019, ci sarà spazio esclusivamente per 600 aziende, molte delle quali per la prima volta in fiera, selezionate in base a principi di alta artigianalità e innovazione delle lavorazioni. Inoltre, la durata della manifestazione alla Fortezza da Basso passerà da dodici a otto giorni: dal 24 aprile al primo maggio.
Queste trasformazioni creano una nuova piattaforma e servono per garantire la qualità degli espositori, in linea con la politica industriale del territorio indirizzata da Comune di Firenze, Camera di Commercio di Firenze, Regione Toscana e dal conseguente nuovo piano strategico di Firenze Fiera. Un passaggio indispensabile anche per attrarre un pubblico più qualificato e internazionale.
Per tutti gli espositori delle precedenti edizioni che non troveranno spazio all’interno della mostra, Firenze Fiera attiverà una serie di convenzioni per il riposizionamento in eventi e manifestazioni sul territorio, come per esempio la fiera di Scandicci e la Biennale enogastronomica.
Dentro la Fortezza caratterizzata da un allestimento contemporaneo, sostenibile e dal forte impatto scenico, per la prima volta non ci sarà una nazione ospite, ma ospiti saranno le eccellenze artigiane di Firenze e della Toscana, anche in omaggio alle creazioni di Leonardo Da Vinci, a 500 anni dalla morte. Fra le tante novità, la valorizzazione del su misura e delle lavorazioni dal vivo, lo spazio riservato all’artigianato digitale e ai maker, attività didattiche, gli incontri con i protagonisti dell’artigianato e del design.
Inoltre, ci sarà il progetto “Del mestiere di Leonardo: immaginare, progettare e realizzare il futuro”, che sonda nuovi modelli di sviluppo in parallelo fra artigiani e designer, a cura di Fondazione Architetti Firenze e Fondazione Giovanni Michelucci.
Fuori dalla Fortezza, la mostra continueràin città con manifatture aperte, installazioni ed eventi nelle piazze. L’edizione 2019 diventerà ancora più social coinvolgendo blogger e gli stessi artigiani digitali che saranno i veri protagonisti di una nuova community. 
La partnership con destinationflorence.com, il portale ufficiale per la promozione e commercializzazione dell'offerta culturale e turistica di Firenze, consentirà azioni mirate di promozione rivolte a turisti italiani e internazionali, anche con offerte che includeranno visite ai principali musei e alle attrazioni della città. Inoltre, la mostra sarà promossa fra gli operatori del settore con eventi calendarizzati B2B e B2C.
A garanzia del lavoro di reinvenzione e riposizionamento della fiera è stato costituito un Comitato scientifico composto da esperti di settore. Ne fanno parte: Andrea Aleardi (direttore della Fondazione Michelucci), Jean Blanchaert (gallerista di arti applicate), Carlo Francini (responsabile UNESCO per il Comune di Firenze), Elisa Guidi (direttrice di Artex), Maria Pilar Lebole (responsabile di OMA, Osservatorio mestieri d’arte), Alberto Nespoli e Domenico Rocca (architetti d’interni di EligoStudio e ambasciatori di wellmade). Coordina il comitato scientifico Massimo Torrigiani (curatore e fondatore dell’agenzia creativa Boiler).

Nicoletta Curradi

TuttaToscana

Dove, come, quando e perchè?
Mostre, eventi, folklore, avvenimenti, cultura, teatro...