venerdì 22 settembre 2017

La nobile famiglia Rimbotti apre le sue dimore ai business travellers

Sono  meravigliosi  palazzi  privati  che  risalgono  al  XIV  e  XV  secolo  e  sono  tutti  nel  centro  di  Firenze,  più  una  villa  appena  fuori  dal  capoluogo  toscano.  Le  proprietà  includono  inoltre  un  albergo  a  Ortigia  (Siracusa)  e  un  resort  a  Fez  (Marocco).  




Dopo  vent’anni  di  management  di  successo  nel  leisure  di  lusso,  le  storiche  residenze  della  famiglia  Rimbotti,  su  decisione  della  Contessa  Maria  Vittoria  Colonna  Rimbotti,  aprono  le  loro  porte  ai  top  manager  che  desiderano  un  soggiorno  di  comfort  e  prestigio  nel  cuore  di  Firenze,  capitale  mondiale  dell’arte  nonché  cuore  del  Rinascimento  italiano.  I  tre  edifici,  costruiti  fra  il  XIV  e  XV  secolo,  e  una  villa  a  Fiesole,  che  fu  abitata  dalla  famiglia  Alighieri,  sono  stati  restaurati  con  amore  e  riportati  a  nuova  vita  dalla  famiglia  Rimbotti.  Una  serie  di  attenti  progetti,  iniziati  nel  1960,  hanno  inoltre  contribuito  ad  aumentare  il  prestigio  e  la  bellezza  del  contesto  architettonico  in  cui  sono  inseriti.  «Palazzo  Rimbotti,  per  esempio»,  afferma  la  Contessa,  «sito  in  Piazza  Antinori,  all’inizio  di  Via  dei  Tornabuoni,  è  al  centro  del  quartiere  dello  shopping  di  lusso  della  città,  e  oggi  si  sposa  perfettamente  con  lo  stile  barocco  della  Cattedrale  sulla  quale  si  affaccia.  L’edificio  è  stato  un  antesignano  del  trend  odierno  dell’area,  giacché  un  tempo  le  grandi  maison  non  si  trovavano  in  quel  luogo,  e  tenendo  altresì  in  considerazione  il  fatto  che  la  boutique  di  Hermes  che  noi  ospitiamo  fu  la  prima  ad  aprire  i  battenti  nel  vicinato».  I  palazzi  offrono  appartamenti  molto  ampi  e  confortevoli,  il  paragone  con  un  hotel  non  sussiste  nemmeno.  I  muri  sono  affrescati  e  i  dipinti  sono  d’inestimabile  valore.  Risalgono  tutti  all’aurea  età  medicea.  Estremamente  apprezzati  dagli  ospiti  leisure  statunitensi,  canadesi  e  sudamericani,  da  oggi  sono  disponibili  anche  per  i  business  traveller.  «Non  siamo  interessati  al  turismo  d’affari  mordi  e  fuggi.  Pertanto,  in  rete  non  si  trovano  né  prezzi  né  possibilità  di  prenotare:  è  necessario  contattarci  personalmente».  L’offerta  include  inoltre  due  hotel  di  lusso  a  Siracusa  e  Fez  (Marocco),  come  nel  dettaglio  di  cui  sotto,  riguardante  anche  le  residenze  fiorentine










Palazzo  Rimbotti  Questa  dimora  risale  al  XV  secolo,  nel  tempo  in  cui  Firenze  stava  iniziando  a  espandersi  al  di  là  del  suo  originale  centro  romano.  Verso  il  XV  secolo  via  Tornabuoni  e  Piazza  Antinori  furono  ampliati  e  divennero  il  luogo  in  cui  i  Fiorentini  benestanti  compravano  e  rinnovavano  grandi  edifici  per  trasformarli  nelle  loro  dimore  fisse.  Nel  corso  dei  secoli,  Palazzo  Rimbotti  fu  largamente  rimodellato,  assumendo  il  suo  aspetto  attuale  intorno  alla  metà  del  XVIII  secolo.  I  suoi  otto  appartamenti  sono  spaziosi,  luminosi  e  decorati  con  gusto  e  creatività.  L’ensemble  dona  al  visitatore  un  senso  di  gioia,  calore  e  lusso.  Palazzo  Aldobrandini  Venne  costruito  nella  prima  metà  del  XIV  secolo,  precisamente  nel  periodo  in  cui  Firenze  iniziava  la  sua  espansione  oltre  i  confini  dell’antico  nucleo  romano.  Nel  XIX  secolo  ospitò  gli  atelier  di  molti  pittori  importanti  come  Ingres  –  questo  è  il  motivo  per  il  quale  la  maggior  parte  degli  appartamenti  è  caratterizzata  dalle  tipiche  finestre  delle  botteghe  d’arte  pittorica,  che  conferiscono  allo  spazio  un’armoniosa  radiosità  degli  spazi.  La  dimora  conta  12  appartamenti  di  diverse  misure,  e  alcuni  di  essi  presentano  un  salotto  largo  e  luminoso.  Palazzo  Bardi  Un  lato  s’affaccia  su  Via  de’  Bardi,  l’altro  offre  una  vista  mozzafiato  su  Ponte  Vecchio,  Galleria  degli  Uffizi  e  Cattedrale.  Il  palazzo  risale  al  XV  secolo  e  non  fu  modificato  che  nel  XIX,  quando  l’architetto  Enrico  Poggi  propose  un  piano  di  ristrutturazione  architettonica  senza  precedenti  che  abbracciava  il  panorama  dell’intera  città.  La  proprietà  si  compone  di  dodici  appartamenti  di  diverse  misure;  alcuni  di  essi  vantano  la  vista  sul  fiume.  Villa  Il  Garofalo  Fra  le  famiglie  che  nel  corso  dei  secoli  hanno  soggiornato  presso  Villa  Il  Garofalo,  la  più  importante  è  indubbiamente  quella  di  Dante,  il  padre  della  lingua  italiana.  Sita  nel  dolce  declivio  fiorentino  di  Fiesole,  offre  una  vista  spettacolare  dei  più  importanti  monumenti  della  città  vecchia.  Accanto  al  monastero,  i  romantici  giardini  sono  spesso  usati  per  ricevimenti  estivi.  I  saloni  impeccabilmente  arredati  denotano  un  profondo  amore  per  il  dettaglio  e  presentano  pezzi  d’arredamento  unici  tanto  quanto  i  dipinti  che  impreziosiscono  le  pareti.  Di  particolare  magnificenza  sono  gli  arazzi  di  Bruxelles  che  si  possono  ammirare  nella  stanza  del  piano  e  l’ampio  tavolo  in  mogano  della  sala  degli  specchi.  Tre  delle  quattro  stanze  a  pianterreno  s’affacciano  sui  magnifici  giardini  all’italiana,  che  offrono  una  vista  su  Firenze  da  togliere  il  fiato.  Il  settore  più  distante  è  ideale  per  le  cerimonie  outdoor
Questo  splendido  hotel  si  trova  nell’antica  Mastra  Rua,  una  strada  del  XIV  secolo  in  cui  i  nobili  più  importanti  della  città  avevano  le  proprie  residenze.  La  raffinata  dimora  che  ospita  l’hotel  è  il  risultato  della  fusione  fra  due  edifici  che  hanno  mantenuto  la  propria  struttura  originale  grazie  a  un  recente  intervento  manutentivo.  I  pezzi  d’antiquariato,  le  preziose  e  luminose  ceramiche  siciliane  nonché  i  tessuti  in  colori  caldi  garantiscono  elevata  qualità  e  comfort,  e  creano  un’atmosfera  armoniosa.  L’hotel  ha  30  camere,  dalla  versione  classica  fino  alla  deluxe  Spa.  Ogni  camera  è  dotata  di  tutti  i  comfort  come  aria  condizionata,  connessione  Wi-‐Fi,  TV  satellitare,  minibar,  phon  e  cassaforte.  Algilà  Fez  (Morocco)  Annidato  alla  fine  di  una  via  tranquilla  e  accanto  al  cuore  dell’antico  labirinto  di  Medina  di  Fez,  l’Algilà  Fez  offre  un  punto  d’appoggio  affascinante  per  le  esplorazioni  delle  terre  dei  suk  e  dei  monumenti  delle  città  imperiali  del  Marocco.  Consiste  in  tre  residenze  del  XVIII  secolo  connesse  fra  loro,  per  un  totale  di  12  unità,  incluse  cinque  suite.  Info su  www.gidec.it 

Nicoletta Curradi

La XXX Biennale dell'Antiquariato di Firenze

Il 21 settembre, alla presenza del Sindaco di Firenze Dario Nardella e del Segret­ario Generale di BIAF Fabrizio Moretti, si è tenuta la previ­ew stampa della trentesima edizione della Biennale Internazio­nale dell’Antiquaria­to di Firenze, che si terrà a Palazzo Corsini dal 23 sette­mbre al 1° ottobre.




Prestigioso appunta­mento che, sotto la guida del Segretario Generale Fabrizio Moretti, riunirà ancora una volta le eccellenze dell’antiquariato in­ternazionale. Atteso un pubblico di gran­dissimo livello, for­mato da una folta ra­ppresentanza di dire­ttori di importanti Musei, soprintendent­i, curatori e collez­ionisti provenienti da tutto il mondo.Un evento che torne­rà a mostrare a Fire­nze la grande qualità dell’arte italiana di tutti i tempi, coinvolgendo le princ­ipali istituzioni cu­lturali cittadine in un ricco programma di eventi collateral­i.L’inaugurazione uffi­ciale si terrà sabato 23 settembre alle 10.30 nel Salone dei Cinqu­ecento di Palazzo Ve­cchio con ilSindaco Dario Nardel­la e l’artista Urs Fischer, a cui farà seguito il taglio del nastro a Palazzo Corsini.Le sale di Palazzo Corsini faranno da cornice alle oltre 3.000 opere presentate da 80 fra le migliori gallerie italiane e straniere, un’ampia commistione di dipinti, scultur­e, disegni, arredi e oggetti di epoche diverse che, da questa edizione, arrivera­nno per la prima vol­tafino agli anni Ottan­ta del Novecento.Le opere saranno at­tentamente seleziona­te e vagliate da un’­autorevoleCommissione Scientif­ica internazionaledi esperti per ogni settore: Andrea Bacc­hi, Massimo Bartoloz­zi, Sandro Bellesi, Daniele Benati, Mauro Berti, Silvestra Bietoletti, Andrew Bu­tterfield, Elena Capretti, Simone Chiarugi, Enr­ico Colle, David Eks­erdjian, Maria Cecil­ia Fabbri, Carlo Fal­ciani, Arturo Galans­ino, Aldo Galli, Gia­ncarlo Gentilini, Ri­chard Knight, Anna Bozena Kowalczyk, Fra­ncesco Leone, Dora Liscia Bemporad, Jean­-Patrice Marandel, Paola Marini, Fernando Mazzocca, Luca Mor, Claudio Pizzorusso, Francesca Pola, Ni­coletta Pons, Giovan­ni Pratesi, Carmen Ravanelli Guidotti, Eric Schleier, Davide Sestieri, Nicola Sp­inosa, Carl Strehlke, Maria Cristina Ter­zaghi, Roberto Valer­iani, Marco Voena.Il nuovo allestimento, ideato dal noto int­erior designer e sce­nografo venezianoMatteo Corvino, che si apre alla mo­dernità e che sarà reinterpretato già da­lla prossima edizione - vede un soffitto di vetro nel percor­so centrale per gara­ntire maggiore lumin­osità agli spazi int­erni e aprire sugges­tivi scorci sulle ar­chitetture seicentes­che della facciata del Palazzo. Mentre, dalla terrazza, si svelerà un effimero giardino pensile all'­italiana dove bordure di bosso incornice­ranno le grandi last­re di cristallo che evocheranno con i lo­ro riflessi un lungo bacino d'acqua.  Nuovo allestimento Palazzo Corsini Conferma della sempre maggioreapertura verso l’arte contemporanea è la mostra dell'artista svizzero Urs Fischer,promossa da Biennale Internazionale dell­’Antiquariato di Fir­enze e Comune di Fir­enze. Ideazione del progetto e direzione artistica di Fabriz­io Moretti e Sergio Risaliti, mostra a cura di Francesco Bon­ami, realizzata da Associazione Mus.e. Dal 22 settembre al 21 gennaio 2018 si potranno ammirare in Piazza Signoria l’is­tallazione della scu­ltura monumentale di 12 metri Big Clay e le riproduzioni in cera di Bonami e Mo­retti che si consume­ranno lentamente sul­l’ Arengario di Pala­zzo Vecchio, a simbo­leggiare la finitezza umana in contrasto con la durevolezza dell’arte. Giovedì 21 settembre nel Salone del Trono si terrà il gala dinner in onore degli oltre 700 ospiti di BIAF: attesi collezionis­ti e direttori di mu­sei da tutto il mond­o. La coreografia de­lla serata, che si concluderà con uno sp­ettacolo pirotecnico, è a cura di Matteo Corvino e Warly Tom­ei. Vini offerti da Antinori e catering affidato a Harry’s Bar Firenze.Come per le passate edizioni, giovedì 27 settembre alle 11 saranno ass­egnati ipremi per la più bel­la scultura e per il più bel dipinto fra quelli esposti in mostra, mentre al­le 16 sarà consegnato adAlberto Angela il pr­emio “Il Lorenzo d’O­ro”, riconoscimento ris­ervato ad autori o registi che si sono distinti nella realiz­zazione di documenta­ri o film dedicati all'arte. OPERE ESPOSTE:Tra i dipinti, spiccano un San Paolo delloSpagnoletto (Jusepe de Ribera), olio su pannello di forma ovale datato 1648, che sarà espos­to allo stand di Col­naghi; un originale Ritratto di Barbara van Beck, olio su tela di sc­uola italiana della fine del Seicento pr­oposto dalla londine­se Agnews, che immor­tala la giovane Barb­ara affetta dalla ra­ra malattia genetica “universalis ipertr­icosi” o “sindrome del lupo” e per questo ricoperta da un’an­omala peluria sul vi­so e sul corpo; una coppia di dipinti di Abraham Louis Rodolp­he Ducros presentati da Walter Padovani, che rappr­esentano La Fonte di Aretusa in Sicilia e Le Terme di Caracalla, scorci tra i più popolari per i viaggi­atori stranieri all’­epoca del Grand Tour, il primo, ad esemp­io è di diretta deri­vazione da un disegno dal vero, eseguito durante un viaggio dell’artista in Sici­lia e nel Mezzogiorno nel 1778 e oggi co­nservato al Rijskmus­eum di Amsterdam; una veduta di Roma, Piazza della Bocca della Verità, con San­ta Maria in Cosmedin e il tempio di Erco­le Vincitore, Roma diGaspare Vanvitelli (Gaspar Van Wittel), visibile nello sta­nd di Cesare Lampron­ti Old Masters Paint­ings; un’Allegoria dell’Amore di Bernardino Licinio che si troverà nello stand di Robilant+­Voena.A rappresentare la scultura, il capolavoro ritro­vato di Romolo Ferrucci del Tadda Il Villano di Livorn­o, opera commissionata per onorare il popolo livornese fedele alla Repubblica Fiore­ntina, che difese la città dall’assedio delle truppe dell’Im­peratore Massimiliano I nel 1496, smarri­ta nel 1700 e ricomp­arsa ad inizio Novec­ento nella prestigio­sa collezione Tammaro de Marinis a Firen­ze, che sarà present­ata nello stand che riunirà le gallerie fiorentine Bacarelli Antichità e Bottice­lli Antichità; una terracotta raffiguran­te laMadonna con il Bambi­no benedicente del tipo detto 'Madonna Morgan' realizzato da Mino da Fiesole e bo­ttega portata daLongari Arte Milano; una scultura in leg­no di tiglio di Giovanni Angelo Del Maino che raffigura San Giovanni Evangel­ista (figura da un Compianto) databile al terzo decennio del XVI seco­lo, da Meheringer Be­nappi.  iL’arte del novecento sarà rappresentata dalla mostra dedicata a Mirko Basaldella ospitata dallo stand di Copetti Antiqua­ri, che ripercorre le varie fasi della carriera di uno fra i protagonisti dell’a­rte moderna friulana, dai ritratti degli anni giovanili alle sculture monumental­i, fino alle opere in cemento o legno che ne attestano la vo­cazione sperimentale e polimaterica; dalPaesaggio di Mario Sironi, tempera su carta che fa parte dei numer­osi disegni presenta­ti dalla Romano Fine Art; daidisegni di Gustav Klimt, tra i quali uno st­udio per la celebre Salomé, proposti dalla vienn­ese W&K Wienerroither & Kohlbacher.Passando al contempo­raneo, Cortesi Gallery es­porrà Untitled (Rasterbild), 1958-1972, opera di Otto Piene, noto fondatore del Gruppo Zero; A.1 (olio, sacco e piet­ra pomice su tela, 1953) diAlberto Burri sarà in mostra da Tornabuoni Arte; La Galleria d’Arte Fredi­ano Farsetti presenta una Superficie bianca di Enrico Castellani del 1980; La Sperone Westwater sarà pres­ente con l’opera Pic-nic di Arman, carta argentata in teca del 1960.Tra gli arredi spiccano l’imponente paravento in stile liberty Onde, damigelle di Numidia e scorfano di Galileo Chiniformato da quattro tavole dipinte ad oli­o, visibile nello st­and della Galleria Gomiero; la collezione di tappeti antichi di Mirco Cattai Fine Art & Antique Rugs, tra cui unUshak Tintoretto proveniente dall’An­atolia occidentale, realizzato nel XVI secolo e decorato da un medaglione quadri­lobato rosso e blu con al centro una for­ma romboidale, che prende il nome dal ma­estro del colorismo veneto del secondo Cinquecento, che spes­so rappresentò questa tipologia di tappe­to nei suoi dipinti; un rarissimo lampad­ario “a chiocche” a ventisei bracci su due ordini di palchi in vetro trasparente e policromo, realiz­zato dalla fornace Giuseppe Briati di Mu­rano nella prima metà del XVIII secolo e proveniente da Pala­zzo Magnani Feroni di Firenze, che si po­trà ammirare da Piva & C.Tra le altre iniziat­ive in programma, la mostra “Inaspettate ‘delizie’ in un’alcova.Dalla Collezione d’A­rte della Fondazione CR Firenze” che, nell’ambito dei festeggiamenti per i 25 anni di attivit­à, esporrà 11 tesori della sua preziosa collezione d’arte, tra cui opere di Giot­to, Gaspar van Witte­l, Pietro Annigoni, Pietro Chellino; la video installazione “La fabbrica della be­llezza. La manifattu­ra Ginori e il suo popolo” di Matilde Gagliar­do, originale opera formata da 21 ritrat­ti di rappresentanti delle maestranze de­lla manifattura Rich­ard Ginori, un’eccel­lenza che fa parte del nostro patrimonio storico; il charity event di venerdì 29 settembre, una cena ad inviti nel Salone del Tro­no di Palazzo Corsin­i, in favore di Engera – Africa Caring Peop­le ONLUS,organizzazione che lavora per la tutela della salute della popolazione etiope; e ancora numerose pr­esentazioni di libri sull’arte e l’antiq­uariato con esperti e curatori. Uno speciale percorso congiunto, in coll­aborazione con Palaz­zo Strozzi, permette­rà di ammirare alcune delle opere più ra­ppresentative dell’a­rte italiana e non solo a prezzo scontat­o. Infatti, i visita­tori della Biennale avranno una riduzione da 12 a 9 euro sul biglietto d’ingresso alla mostra “Il Cinquecento a Fir­enze. Tra Michelangelo, Po­ntormo e Giambologna”, aperta a Palazzo Strozzi, mentre i visitatori della mostra di Pa­lazzo Strozzi potran­no ammirare le opere della 30° Biennale Internazionale dell’­Antiquariato ad un prezzo ridotto di 10 euro, anziché 15. Per la copertina della nuova edizione della rivista BIAF Magazine, realizzata da Gruppo Editoriale, è stata scelta l’opera del fotografo Mimmo Jodice Alba Fucens,fotografia del 2008 che ritrae una scul­tura dell’antichità classica, che sarà visibile a Palazzo Co­rsini per tutta la durata della Biennale.BIAF 2017 si avvale del contributo della Fondazione Ca­ssa di Risparmio di Firenze, Main sponso­r: Toscana Aeroporti, AXA ART.Partners: Art Defender, Banca Cambiano, Federalbe­rghi Firenze, Fratel­li Piccini, Il Bison­te, Pineider, Porsche e Centro Porsche Firenze, Stefano Ricc­i, Dr. Vranjes.Media partners: Ant­iquariato, Apollo, Artribune, Artslife.Date e orari: dal 23 settembre al 1 ottobre 2017, da­lle 10,30 alle 20,00. Giovedì 28 settemb­re 2017 dalle ore 10­,30 alle 19,00Biglietto: € 15, ri­dotto € 10 info: www.biaf.it


Nicoletta Curradi

martedì 1 agosto 2017

Novità nei biglietti per Uffizi e Palazzo Pitti

Destagionalizzazione e decentramento dei flussi, incentivi a una fruizione più approfondita rispetto allo schema del turismo mordi e fuggi: così cambia il sistema tariffario delle Gallerie degli Uffizi, con biglietti più cari in alta stagione, un nuovo biglietto cumulativo per i circuiti museali delle gallerie (Uffizi, Palazzo Pitti, Boboli), e la possibilità di tessere nominative annuali.
«Siamo i primi, e speriamo di fare scuola», ha affermato il direttore Eike Schmidt, spiegando che questo è «il primo grande museo a introdurre una stagionalità, e il primo in assoluto a introdurla come parte di una nuova filosofia della bigliettazione».



Per gli Uffizi, dal 1° marzo 2018 il prezzo del biglietto sarà di 12 euro in bassa stagione (da novembre a febbraio) e di 20 euro da marzo a ottobre, contro gli 8 euro attuali a cui però si aggiunge per quasi tutto l'anno il sovrapprezzo di 4,50 euro per l'accesso alle mostre. Rimangono invariati i 4 euro per la prenotazione del biglietto.



A Palazzo Pitti, invece, il biglietto costerà 10 euro in bassa stagione e 16 euro in alta, contro gli attuali 13+4,50; ma chi acquisterà il biglietto dalle 8.15 alle 9 del mattino, con ingresso fino alle 9.25, spenderà la metà. Una differenziazione tariffaria studiata per incentivare la fruizione delle strutture di Palazzo Pitti, e convogliare maggiormente i flussi turistici verso la zona dell'Oltrarno. L'ingresso al giardino di Boboli costerà 6 euro in bassa stagione e 10 euro in alta. Sarà istituito un biglietto cumulativo da 38 euro, valido per tre giorni, che permetterà l'ingresso prioritario e per una sola volta ai musei del circuito.
Per una fruizione continuativa, già dal 1° settembre 2017 saranno disponibili tessere nominative annuali, con accessi illimitati e ingresso prioritario, al prezzo di 25 euro per Boboli, 35 euro per Palazzo Pitti e 50 per gli Uffizi, oltre a una tessera da 70 per l'intero circuito gestito dalle Gallerie degli Uffizi (Uffizi, Pitti, Boboli). Una tessera che, per Schmidt, «si integra molto bene con la Firenze Card, che è basata sul principio del 'see as much as you can', mentre questa è per chi vuole tornare e approfondire».
Alla presentazione delle nuove tariffe, a Firenze, insieme a Schmidt erano presenti l'assessore comunale al turismo Paola Concia e il presidente della Camera di commercio Leonardo Bassilichi: «Sono fiero di avere un direttore che ci permette di mostrare che le cose si fanno», ha detto quest'ultimo, annunciando iniziative di sostegno all'Oltrarno, come una guida digitale e un'opera di segnaletica.

Nicoletta Curradi

lunedì 24 luglio 2017

Jazz&dì il 27 luglio al Circolo 25 Aprile





 Giovedì 27 Luglio, dalle ore 21.00, nuovo appuntamento al Circolo Ricreativo Culturale 25 Aprile (Via Bronzino, 117) con "Jazz&dì", il consueto appuntamento musicale ospiterà "Portrait Jazz Trio", il concerto con Massimiliano Calderai al piano,  Piero Spitilli al contrabbasso, Stefano Rapicavoli alla batteria.

Il titolo dato all'esibizione, Portrait jazz trio, riflette la scelta dei tre artisti di elaborare il repertorio che ha contraddistinto lo stile e la vita artistica di importanti musicisti jazz come Bill Evans, Duke Ellington, Horace Silver, Antonio Carlos Jobim, tanto da divenirne il ritratto artistico. Durante il concerto il trio proporrà anche alcuni brani originali come "Autoritratto".

Cocerto + aperitivo 10 Euro al ristorante Kilometrozero

Info e prenotazioni: 347 3621127 


Nicoletta Curradi



venerdì 21 luglio 2017

Volterra Teatro al via il 24 luglio

Volterra Teatro 2017

Edizione numero 31
Progetto sostenuto e finanziato dai Comuni di Volterra, Pomarance, Montecatini e Castelnuovo Val di Cecina, Regione Toscana
Direzione Artistica di Andrea Kaemmerle  - Organizzazione: Associazione Internazionale di Teatro Guascone



Dal 24 al 30 luglio 2017 tra Volterra, Pomarance, Montecatini e Castelnuovo Val di Cecina (Pisa)
Volterra Teatro 2017: una settimana di musica, teatro, incontri e mostre

Il Festival “Volterra Teatro” edizione 2017, si presenta dal 24 al 30 luglio con una settimana di musica, teatro, incontri e mostre. Per la direzione artistica di Andrea Kaemmerle, va sotto il titolo di “Tutto il possibile”. Perché 55 musicisti, 11 attori, 7 attrici , 8 cantanti 3 poeti, 3 giornalisti, un critico cinematografico, un’artigiana/scenografa , un cantastorie e 5 tecnici , ciascuno con la sua arte e con il suo mestiere, faranno tutto il possibile perché anche questo anno “Volterra Teatro” sia occasione di incanto, bellezza e terreno fertile per emozioni e buoni pensieri.

Progetto sostenuto e finanziato dai Comuni di Volterra, Pomarance, Montecatini e Castelnuovo Val di Cecina e Regione Toscana. Organizzazione: Associazione Internazionale di Teatro Guascone.

«Questa volta – spiega Andrea Kaemmerle - sarà un festival corsaro, fatto di tante bellissime piccole perle gettate per aria per creare un nuovo cielo stellato. Corsaro perché molto avventuroso, leggermente impertinente e fatto di incursioni poetiche. Un assalto teatrale con galee leggere ed agili. Piccole tempeste e qualche brutta nuvola hanno chiesto al destino di portarci a solcare la meravigliosa Val di Cecina, un mare giallo con Volterra che emerge tra le onde di grano.
Come in tutte le imprese corsare abbiamo chiamato in adunata i colleghi ed i compagni di viaggio che da 30 anni camminano con Guascone Teatro. Ve li faremo conoscere e credo vi piaceranno molto. Ne vedrete delle belle perché il festival è così prestigioso ed i luoghi sono così belli che la ciurma sarà composta da tante persone».

Nel calendario si avrà modo di scoprire la mappa con tutti i segreti. «Era un azzardo ed abbiamo azzardato – aggiunge Kaemmerle – e sono felice di essere riuscito ad imbarcare in questa traversata grandi artisti di generazioni lontanissime».

Si spazia tra i talenti giovani che fanno questo mestiere da 7 anni ai grandi maestri che da più di 50 anni tengono fermo il timone contro gli assalti di superficialità ed imbarbarimento.

Sarà un festival semplice, onesto, umano e molto ironico. Il consiglio al pubblico: «fatevi sedurre da questo vascello vagabondo con la cambusa piena di arte e letteratura, rischiate solo di sentirvi ancora meglio». Parola di Andrea Kaemmerle.

Il programma si apre lunedì 24 luglio a Volterra con i seguenti spettacoli: ore 19,30 Adiacenze della Pinacoteca Irene Rametta in “Canti in Bilico”. Prima Nazionale. Ore 20,30 Giardino della Pinacoteca Mo-Wan Teatro  in  “Modigliani”  Di A. Brucioni Con Michele Crestacci. Ore 21,45 Piazza dei Priori Guascone Teatro e Materiali Sonori  in “L’orchestra Nazionale della Repubblica popolare di Danghisia” Con Andrea Kaemmerle & la Banda Improvvisa. Direzione di Orio Odori. Progetto di Andrea Kaemmerle & Giampiero Bigazzi. Ore 23,00 Adiacenze della Pinacoteca Irene Rametta replica “Canti in Bilico”.

Lunedì 24 luglio a Pomarance: dalle ore 19,30 Vie del centro storico “Marionetas  Colegones” La compagnia spagnola Marionetas Colegone formata da Marta spia e Jonathan Guisado (AmokCor). Dalle ore 21,00 Vie del centro storico “Girlesque street band ”, la prima ed unica street band italiana tutta al femminile.

Martedì 25 luglio a Volterra si prosegue dalle 15,00 con Incontro- Laboratorio “dalla scrittura alla messa in scena” condotto da Riccardo Goretti. Si apre anche la serie di incontri “Tre Strade”. Strade lunghe 40 anni in direzione ironia, satira e comicità. Moderatore di questo spazio sarà Augusto  Sainati, critico cinematorgafico e professore ordinario di Storia del cinema all’università di storia del cinema Suor Orsola di Napoli. Ore 19 Teatro Persio Flacco, “Prima strada” con l’incontro con Masolino D’Amico sul tema “Dalla commedia all’italiana al clown”. Viaggi insieme ai grandi personaggi del cinema. Dalle ore 19,30 Vie del centro storico “Marionetas  Colegones”. Ore 20,30 Giardino della Pinacoteca Riccardo Goretti  in “Annunziata detta Nancy” di e con Riccardo Goretti. Ore 21,45 Teatro Persio Flacco  Guascone Teatro e Gatti Mezzi in “Lisciami: Capire tutto in una notte” Di e con Andrea Kaemmerle e con Francesco Bottai e Tommaso Novi.

Mercoledì 26 luglio a Volterra, ore 15-18 i sotterranei della pinacoteca ospitano “Cantiere Amore lento prove aperte” con Silvia Rubes e Andrea Kaemmerle (per 10 spettatori per volta).  Ore 19,00 Teatro Persi Flacco Augusto Sainati presenta Seconda Strada.  Incontro con Ives Lebreton su “La comicità nella tragedia, 50 anni di viaggio nel teatro con un grande maestro”. Ore 21,15 Teatro Persio Flacco Le sorelle Marinetti in “Topolini, mici e pinguini innamorati”. Prima regionale. Ore 23,00 Foyer del Teatro Riccardo Goretti  e  Edoardo Nardin  in “Vero su Bianco”, di e con Edoardo Nardin e Riccardo Goretti disegni sussurati per parole su tela.

Giovedì 27 luglio a Montecatini Val di Cecina alle 21,30 in Piazza Garibaldi va in scena La Macchina del tuono con lo spettacolo “ I due corsari ”. Con Fabrizio Checcacci (narratore e voce), Fabio Fantini (narratore e voce), Giacomo Ferrari (tastiera).

Venerdì 28 luglio a Volterra, alle 19,00 alle Logge di piazza dei Priori, Augusto Sainati presenta “Terza  Strada”. Incontro con Alessandro Schwed.  L’avventura di Jiga Melik da Il Male alla scrittura scenica. Dalle 19,45 Percorso interno della Pinacoteca  “Sedia contro Sedia”: 7 attori per 7 spettatori con spettacoli di 5 minuti a ripetizione. Ore 21,00  Giardino della Pinacoteca Guascone Teatro in  “Ogni fuga è un arte”. Prima Nazionale-Produzione Volterra Teatro 2017. Progetto di Andrea Kaemmerle con Roberto Cecchetti, Emiliano Benassai, Marco Vanni, Andrea Barsali. Ore 22.30 Piazza San Giovanni  Anna Meacci in “Caldane” di Anna Meacci e Dodi Conti, regia Dodi Conti.

Sabato 29 luglio a Volterra, dalle 11,00 alle Loggie dei Priori, laboratorio gratuito sulla Narrazione condotto da Anna Meacci. Dalle 19,30  per le vie del centro il cantastorie Felice Pantone in “Una Goccia Cantata”. Ore 21,00 Palazzo dei Priori  Anna Meacci in Performance finale del Laboratorio.

Sabato 29 luglio a A Castelnuovo val di Cecina, alle 21,30 nel giardino comunale di Piazza Matteotti, Toscana Folk Studio in “Le Cantore, dalla Toscana al Mondointero”. Con Angela Batoni, Susy Bellucci, Lisetta Luchini, Chiara Riondino.

Domenica 30 luglio a Volterra, dalle 19,45, percorso interno della Pinacoteca, “Sedia contro Sedia”. Ore 21,30 Piazza San Giovanni  Anna Meacci in “Volevo Fare la DJ”.

Tutti i giorni dalle 10,30 sarà attiva la mostra di Brunella Tegas “I Quadritos”, nello spazio espositivo sotto le Logge di Piazza dei Priori.

Gli spettacoli, i laboratori e le iniziative sono tutti ad ingresso gratuito tranne “Lisciami” il 25 luglio al Teatro Persio Flacco e Le Sorelle Marinetti il 26 luglio sempre al Persio Flacco ad euro 5. Informazioni al 3280625881-3203667354.
 Programma completo su www.guasconeteatro.it.

Fabrizio Del Bimbo

giovedì 13 luglio 2017

Eco Green Tours, un appello al Comune di Firenze per i "risciò"

Aprire un dialogo con il Comune di Firenze per concordare linee comuni sul tema del servizio offerto dai “risciò”. È quanto chiede a Palazzo Vecchio Eco Green Tours un’azienda strutturata che da tempo si è specializzata nell’offerta di tour ecologici su veicoli elettrici, in linea con le esigenze di mobilità sostenibile. Anche se nel gergo comune viene usato il termine di risciò, nel caso della Eco Green Tours si tratta di piccoli veicoli elettrici simili a quelli utilizzati sui campi da golf.Un servizio molto apprezzato dai turisti stranieri, soprattutto se anziani, adulti con bambini o persone con mobilità ridotta, tanto che la Eco Green Tour vorrebbe allargare il raggio del servizio, realizzando quattro punti di stazionamento (piazza San Firenze, piazza Stazione, piazza Santa Maria Novella, piazza Repubblica) e avviando un nuovo percorso per piazzale Michelangelo.Vista l’attuale situazione di incertezza normativa, l’agenzia sta cercando però, prima di tutto, di avviare una duratura collaborazione con l'amministrazione comunale di Firenze che tenga conto dei nuovi sviluppi sul fronte legislativo, della necessità del Comune di Firenze di regolamentare il servizio, ma anche della necessità dell’azienda di continuare a operare e garantire lavoro ai propri collaboratori. Il tutto continuando a offrire un servizio dalle ottime potenzialità sia per la città che per i turisti. «Massima la disponibilità verso il Comune di Firenze – spiegano i responsabili di Eco Green Tours – al quale da tempo abbiamo chiesto un momento di confronto. Lo rinnoviamo anche oggi. Siamo disponibili a fare la nostra parte per rendere la città più vivibile, anche attivando servizi in convenzione per l'accesso alla Ztl e contribuendo a migliorare la situazione cittadina».Quello che l’azienda tiene a sottolineare è anche «la necessità di distinguere fra servizi regolari e risciò abusivi». «Ci troviamo spesso inseriti in quest’ultima categoria – spiegano i responsabili di Eco Green Tours - quando invece offriamo una prestazione chiara, strutturata e regolare: un servizio turistico con accompagnatore e audioguida (o guida a seconda delle esigenze del cliente), scelto già da importanti operatori cittadini del settore turistico per far visitare la città ai clienti che hanno difficoltà a camminare: disabili, anziani, bambini, donne incinte. Il servizio è scelto inoltre dalle compagnie di crociera perché è in grado di far visitare la città a chi si ferma qui per poche ore, evitando che i turisti vaghino in centro senza alcun punto di riferimento». Eco Green Tour è un’agenzia specializzata nell’offerta di tour ecologici su veicoli elettrici che consentono una guida silenziosa e sicura, sia per i passeggeri che per chi passeggia per le strade. Come da tempo avviene in molte capitali europee e mondiali, l’utilizzo dei veicoli elettrici risponde a una domanda turistica sempre più esigente e offre un servizio all’avanguardia. Un servizio turistico e non di trasporto, che ha la potenzialità di creare nuovi posti di lavoro.


Attualmente, nonostante le incertezze normative, Eco Green Tours ha uno staff di accompagnatori e guide turistiche, formato sulla storia, sull’arte, sull'artigianato e sui servizi museali offerti da Firenze. Il servizio è rivolto a turisti e cittadini residenti (ci sono condizioni agevolate per i residenti a Firenze e dintorni) e si propone di far conoscere i monumenti, le piazze, le strade e i quartieri storici (in particolare l’Oltrarno). I percorsi si articolano in servizi attivi dalle ore 9 alle ore 23 dal lunedì alla domenica. Gli itinerari hanno una durata che va dai 45 minuti alle 2 ore e si effettuano su un percorso stabilito, con 20 tappe di 5 minuti ciascuna, in cui è possibile, ascoltando le notizie storico-artistiche, ammirare, fotografare e soffermarsi sui particolari delle opere.

Fabrizio Del Bimbo

Alla Galleria Il Ponte espone Luca Maria Patella

GALLERIA IL PONTE arte moderna e contemporanea

LUCA MARIA PATELLA
NON OSO
OSO NON essere
a cura di Alberto Fiz
Galleria Il Ponte - Firenze
22 settembre - 10 novembre 2017
inaugurazione
venerdì 22 settembre, h 18:30


Il Ponte inaugura la nuova stagione espositiva con la mostra NON OSO / OSO NON essere ideata da Luca Maria Patella appositamente per gli spazi della galleria. Come afferma lo stesso artista: "Beh! più modestamente ritorno a Firenze, al Ponte (!) con alcune mie idee (fiorentine?!) che implicano la dialettica profonda, fra INConscio & COSCienza".
Ad accogliere il visitatore, invitandolo ad un percorso quasi iniziatico strutturato sui due piani dello spazio espositivo, sono due Vasi Fisiognòmici ricavati dai profili dei Duchi di Urbino (raffigurati da Piero della Francesca e oggi agli Uffizi) torniti in marmo: "Lei più aggraziata, Lui rude guerriero, ma cólto. Di fronte: un
enorme Vas del Duca (dai Colori Psichici junghiani)". Attraverso uno stretto passaggio che si apre fra i due altissimi Profili del Duca di Montefeltro, si accede alla seconda sala dove, alle pareti, trovano posto opere che Patella definisce “significanti", attraverso le quali, da ormai qualche decennio, porta avanti la sua eclettica ricerca che concilia: arte, scienza, psicanalisi e studio del linguaggio. In fondo alla sala un Campanaro batte le ore e i quarti quasi a scandire la discesa al piano inferiore dove, da un finestrino, si
scorge una cameretta rosa aurorale con tutto intorno la scritta dalla “Vita Nuova”: nuda, salvo che involta in un drappo, sanguigno leggeramente. Distesa su di un Letto sta Lei (Beatrice?), con gli occhi chiusi e parzialmente coperta da un drappo rosato. Questa visione "funerea" rimanda al probabile antico utilizzo
dei locali, dove adesso si trova la Galleria, come camera mortuaria: "Lei è morta?...". Con questo interrogativo ci lascia l'autore al termine del nostro "viaggio" all'interno di quella che potremmo definire la sua "opera totale".
Ancora nella penombra del piano interrato sarà possibile vedere la proiezione di alcuni “films-opera” di Patella, fra cui Terra animata (1965-'67), opera assai anticipatrice - recentemente, presso il MOCA di Los Angeles, è stato definito “a key-work in the history of Land-art" - rispetto a quelle tendenze che si svilupperanno oltre oceano a partire dai primi anni settanta. Lo spazio Lounge ospiterà una ricca selezione di opere fotografiche datate dai primi anni sessanta a documentare la sperimentazione e molto spesso l'invenzione di tecniche di stampa e di ripresa (utilizzo in tempi non sospetti dell'obiettivo fish-eye, della fotografia all'infrarosso e stampa a colori di negativi in bianco/nero) che fanno di Luca Maria Patella un vero argonàuta negli spazi infiniti del linguaggio e della
psiche umana.




Nicoletta Curradi

TuttaToscana

Dove, come, quando e perchè?
Mostre, eventi, folklore, avvenimenti, cultura, teatro...