sabato 15 dicembre 2018

Le proposte di gennaio al Teatro Verdi di Firenze

GENNAIO 2019 AL TEATRO VERDI


Da martedi 2 a martedì 15 gennaio ore 20,45
( riposo 9 gennaio)
PANARIELLO CONTI PIERACCIONI
VERSIONE TEATRALE
“Ci rivedremo dopo un anno e mezzo di stop – spiega il trio – con uno spettacolo pensato per il teatro. Anche noi ci adegueremo, saremo più eleganti. Riprenderemo lo show portato nei palazzetti, ma con nuove situazioni e nuovi personaggi. Saranno due ore di risate. E per noi che siamo sul palco sarà il massimo della soddisfazione”
PREZZI INTERI euro 72/64/53/42/35

da venerdì 18 a domenica 20 gennaio
ore 20,45 – domenica ore 16,45
PRISCILLA LA REGINA DEL DESERTO
di STEPHAN ELLIOTT e ALLAN SCOTT
regia italiana di MATTEO GASTALDO
Tratto dall'omonimo film cult Premio Oscar e vincitor del Gran Prix du Publique al Festival di Cannes, Priscilla è una travolgente avventura "on the road" di tre amici che, a bordo di un vecchio bus rosa soprannominato Priscilla, partono per un viaggio attraverso il deserto australiano alla ricerca di amore e amicizia, finendo per trovare molto di più di quanto avessero mai immaginato.
PREZZI INTERI euro 59/49/39/28


domenica 20 gennaio ore 11,00
GERONIMO STILTON
Nel Regno della Fantasia
regia italiana di MATTEO GASTALDO
Tratto dall’omonimo libro di Geronimo Stilton “Geronimo Stilton nel regno della fantasia” torna il musical che ha conquistato le famiglie nei grandi teatri italiani, dopo il grande successo internazionale e i sold out delle passate stagioni in tutta italia.
PREZZI INTERI euro 39/34/29/19


sabato 26 gennaio ore 20,45
BALLETTO DEL SUD
LA BELLA ADDORMENTATA
musica di PËTR IL’IČ ČAJKOVSKIJ
coreografie FREDY FRANZUTTI
Questa originale versione di LA BELLA ADDORMENTATA ha raccolto sin dalle prime rappresentazioni del 2000, la piena adesione di pubblico, per la leggibilità della drammaturgia, per l'efficacia dell'ambientazione e per la viva caratterizzazione dei personaggi.  Lo spettacolo è stato ampiamente lodato dalla critica ed ha replicato con successo in prestigiosi festival e teatri in Italia e all'estero.
PREZZI INTERI euro 34/27,50/20,50  


da mercoledì 30 gennaio a domenica 3 febbraio
ore 20,45 – sabato ore 16,45 e 20,45 - domenica ore 16,45
LUCA WARD - PAOLO CONTICINI - SERGIO MUNIZ - SABRINA MARCIANO
MAMMA MIA!
regia MASSIMO ROMEO PIPARO
Il travolgente musical con le musiche ed i testi scritti da BENNY ANDERSSON e BJÖRN ULVAEUS ha fatto ballare il mondo intero per tre generazioni. Nel nuovo allestimento italiano verrà rivisitato e presentato al pubblico con nuove scenografie e costumi ed oltre 30 persone in scena insieme ad un’orchestra dal vivo che farà risuonare le magiche note del pop internazionale degli ABBA
PREZZI INTERI euro 55/40/31/26

PREVENDITE
tel 055.210804
ONLINE su www.ticketone.it tel. 892.101.

INFO
Teatro Verdi – via Ghibellina 99 – Firenze - Tel. 055.212320 www.teatroverdifirenze.it

Fabrizio Del Bimbo

Raf e Tozzi in concerto insieme a Firenze




Raf e Umberto Tozzi saranno insieme in concerto al Mandela Forum di Firenze
Primo tour insieme, dopo l’uscita del cofanetto “Raf Tozzi”
Biglietti disponibili da oggi
RAF TOZZI
Giovedì 16 maggio 2019 – ore 21
Nelson Mandela Forum – piazza Berlinguer – Firenze
Biglietti posti numerati da 26,09 a 65,22 euro
Prevendite Box Office Toscana www.boxofficetoscana.it -  www.ticketone.it (tel. 892 101)
Info tel. 055.667566 – www.bitconcerti.it - www.fepgroup.it

Fermerà giovedì 16 maggio 2019 al Mandela Forum di Firenze il tour che vede per la prima volta insieme Raf e Umberto Tozzi, due artisti che hanno fatto la storia della musica italiana.
I biglietti (posti numerati da 26,09 a 65,22 euro) sono disponibili da oggi nei punti Box Office Toscana (www.boxofficetoscana.it/punti-vendita tel. 055.210804) e online su www.ticketone.it (tel. 892.101). Info tel. 055667566 – www.bitconcerti.it e www.fepgroup.it.
Radio Italia è radio ufficiale del tour.
Occasione unica per cantare e ballare insieme al pubblico sulle note dei loro successi, che hanno conquistato intere generazioni, in Italia e all’estero. Quando un anno fa Raf e Umberto Tozzi, amici da una vita, si sono ritrovati sul palco dell’Arena di Verona in occasione del concerto-evento di Tozzi “40 Anni Che Ti Amo”, in entrambi si è acceso l’entusiasmo di tornare a collaborare, di cantare insieme, di condividere lo stesso palco.
Il tour segue la pubblicazione del cofanetto “RAF TOZZI”, uscito per Sugar, distribuzione Artist First. Il doppio disco raccoglie ricordi ed emozioni, 34 tracce diventate intramontabili, a partire da “Gloria” che con i suoi 32 milioni di copie proiettò Umberto Tozzi ai primi posti delle classifiche americane, e “Self Control” di Raf, uno dei brani italiani più famosi di sempre, pubblicato in oltre 21 paesi nel mondo. E ancora, “Si può dare di più” –  scritto da Giancarlo Bigazzi, Umberto Tozzi e Raf vincitore del Festival di Sanremo 1987 nell'interpretazione dello stesso Tozzi con Enrico Ruggeri e Gianni Morandi, “Io camminerò”, “Ti Pretendo”, “Ti Amo”, “Cosa resterà degli anni 80”, “Sei la più bella del mondo”, “Immensamente”, “Io muoio di te”, “Infinito” e altre perle dai rispettivi repertori.
Si aggiungono anche due bonus track del brano “Gente di Mare”, l’originale in versione rimasterizzata e una seconda in veste speciale “Gente Di Mare – New Version 2018”. Il brano è stato cantato da Raf e Umberto Tozzi nel 1987 all'Eurofestival, classificandosi al terzo posto ed è rimasto per 27 settimane nelle classifiche italiane.
Intanto è in radio e su tutte le piattaforme digitali l’inedito “Come una danza” (Friends & Partners/Artist First), brano scritto e prodotto da Raf, e pensato per essere arricchito dalla collaborazione a due voci con Tozzi.
Il brano è accompagnato da un video diretto da Gaetano Morbioli, visibile online sul canale RafTozziVEVO: https://youtu.be/citPKyRdX6Q. Nel video, i due artisti camminano contro corrente, attorniati da una folla di persone che, in un primo momento, si dirige nella direzione opposta alla loro. È un contrastare le avversità del quotidiano, cercando e trovando una direzione e una positività anche quando non sembra essere presente.
Info spettacolo
Nelson Mandela Forum – piazza Berlinguer – Firenze
Info tel. 055.667566 – www.bitconcerti.it - www.fepgroup.it
Biglietti posti numerati (esclusi diritti di prevendita)
1° Settore € 65,22
2° Settore € 60,87
3° Settore € 53,91
4° Settore € 47,83
5° settore € 39,14
6° settore € 34,78
7° settore € 26,09
Prevendite
Nei punti www.boxofficetoscana.it/

Punti-vendita online 
su www.ticketone.it (tel. 892.101)


Fabrizio Del Bimbo

giovedì 13 dicembre 2018

Arte digitale: "Bosch, Brueghel, Arcimboldo agli Arsenali di Pisa


La mostra spettacolo, inaugurata il 14 novembre a Pisa, è stata presentata a palazzo del Pegaso. Resterà aperta fino al 26 maggio. Eugenio Giani: “La mostra agli Arsenali rende Pisa città d’Europa”; Antonio Mazzeo: “Unisce bellezza dell’arte, capacità di saper innovare e di fare impresa”

Immagini, musiche e tecnologia per la mostra spettacolo di arte digitale dedicata a Bosch, Brueghel, Arcimboldo, inaugurata a Pisa agli Arsenali Repubblicani e che andrà avanti fino al 26 maggio 2019. Lesposizione  è stata presentata, questa mattina giovedì 13 dicembre a palazzo del Pegaso.


Si tratta di 30 minuti di spettacolo con oltre duemila immagini e musiche che vanno dai Carmina Burana di Carl Orff a Le quattro stagioni di Vivaldi fino alla versione tributo del 2012 di Stairway to Heaven dei Led Zeppelin. La regia è costruita da Gianfranco Iannuzzi, Renato Gatto eMassimiliano Siccardi, con la colonna sonora capace di coinvolgere, travolgere ed emozionare, curata da Luca Longobardi.

Questa mostra agli Arsenali rende Pisa città dEuropa - ha detto il presidente dellAssemblea toscana Eugenio Giani -. Sirilegge con gli occhi di oggi quel surrealismo onirico straordinario che illuminò quella corrente artistica, post rinascimentale, fondata sulla creatività di una realtà immateriale che diventa materiale attraverso la dimensione del sogno e della fantasiaLe scene oniriche e surreali, colme di personaggi bizzarri fanno vedere mondi incantati dei quali viene il desiderio di varcare la soglia per un viaggio tra universi affascinanti che il visitatore potrà scrutare nei minimi dettagli come solo uno studioso con la sua lente di ingrandimento a pochi millimetri dalla tela.

Antonio Mazzeo dellUfficio di Presidenza del Consiglio regionale  ha ribadito che “la mostra è un vanto non solo per Pisa, ma per tutta la Toscana”. “Si mettono insieme - ha detto Mazzeo - la bellezza dellarte con la capacità di saper innovare e di fare impresa; si uniscono larte del passato con la potenza del digitale del presente e del futuro. In questo luogo magico si coniugano storia, bellezza, qualità e innovazione.

Alchimia, religione e astrologia; vanità, tentazioni e vizi sono i temi raffigurati da Bosch, Brueghel e Arcimboldo con un acuto senso del dettaglio che circondano il visitatore a 360 gradi. Lo spettacolo - diviso in tre tempi - si apre con un prologo ispirato alla creazione del mondo di Bosch - Il Giardino delle delizie - e si dipana sulle pareti, sulle vetrate e il pavimento che diventano la tela di opere quali Ascesa all’Empireo (1500, Bosch), Il giardino dell’Eden e la Caduta dell’uomo (1615 ca., Brueghel e P.P Rubens), Paesaggio fluviale (Brueghel), Allegoria della Musica(Brueghel), Terra (1570 ca., Arcimboldo), Il Giudizio universale (Bosch), Torre di Babele (1563, Pieter Brueghel il Giovane), Primavera (Arcimboldo), Quattro stagioni in una testa (1590 ca., Arcimboldo).

“La tecnologia si mette al servizio dell’arte – ha ribadito Paolo Pesciatini,  assessore al turismo del Comune di Pisa  e lo spettatore viene proiettato nel mondo visionario di questi tre grandi maestri, entra nellopera darte e la può godere attraverso un dialogo sinestetico.  





Con il patrocinio della Regione Toscana e del Comune di Pisa, la mostra è prodotta in Italia dal Gruppo Arthemisia Sensorial Art Experience e con il supporto di Banca di Pisa e Fornacette ed ha avuto oltre 650mila visitatori.

Presenti in conferenza stampa anche la presidente del Gruppo Arthemisia Iole Siena che ha raccontato la genesi della mostra, nata a Carrière de Lumières Les Beaux di Provenza e gli autori dello spettacolo Massimiliano Siccardi e Luca Longobardi.

Nicoletta Curradi 

venerdì 23 novembre 2018

Firenze candidata UNESCO per l'artigianato



Firenze diventerà il luogo dell’artigianato di qualità con la candidatura a Città creativa UNESCO e una Mostra Internazionale dell’Artigianato completamente rinnovata che, ispirandosi alle celebri edizioni degli anni Cinquanta e Sessanta, punterà tutto su un perfetto mix fra storia e nuove tendenze.
Di questo si è parlato stamani mattina in Sala d'Arme a Palazzo Vecchio alla conferenza stampa con l'assessora allo Sviluppo Economico del Comune di Firenze Cecilia Del Re, il presidente di Firenze Fiera, Leonardo Bassilichi, in diretta skype, il prof.Giuseppe Lotti del Dipartimento di Architettura e Design dell'Università di Firenze, Tamara Ermini e Gabriele Maselli.

«Firenze e il vero artigianato sono da sempre legati indissolubilmente, per questo abbiamo la fortuna di avere professionisti che con innovazione e creatività producono lavorazioni artistiche uniche. Firenze Fiera, con la nuova Mostra, da quest’anno rappresenta una piattaforma per rilanciare lo sviluppo del bello e fatto a mano. Lo possiamo fare perché siamo nella città giusta che, per retaggio e vocazione, tornerà a essere il centro italiano e internazionale di queste lavorazioni», ha detto il presidente di Firenze Fiera, Leonardo Bassilichi.
«Abbiamo lavorato con Firenze Fiera e tutto il mondo dell’artigianato fiorentino per rilanciare e riposizionare la Mostra dell’artigianato», ha aggiunto l’assessora allo Sviluppo economico e turismo del Comune di Firenze, Cecilia Del Re. «Per questo, abbiamo deciso di presentare la nuova edizione della mostra insieme al lavoro fatto per la candidatura di Firenze a Città creativa Unesco per l’artigianato. Un lavoro di squadra, portato avanti con l’Università di Firenze e lo stesso mondo dell’artigianato. Crediamo che questi due lavori debbano andare di pari passo: il rilancio della fiera e la “Mostra in città” saranno parte dell’insieme di progetti con i quali presenteremo Firenze per arrivare a questo importante riconoscimento», ha sottolineato l’assessora Del Re.
Sei progetti per diventare Città creativa UNESCO 2019
La candidatura di Firenze a Città creativa Unesco, portata avanti dall’assessorato allo Sviluppo economico del Comune di Firenze con il dipartimento Dida della Facoltà di Architettura dell’Università di Firenze, punta a valorizzare le competenze artigiane del territorio e promuovere, su scala internazionale, l’artigianato fiorentino. In totale sono sei le idee progettuali elaborate, corredate da un piano finanziario, che prevedono la creazione di una ‘casa delle eccellenze’ nel centro storico per esporre e vendere i prodotti degli artigiani fiorentini, uno sportello di assistenza per le nuove imprese artigiane, ma anche l’Erasmus degli artigiani, la realizzazione di una mappa e di un archivio digitali delle realtà attive sul territorio metropolitano e la creazione di una rete turistica diffusa lungo i luoghi dell'artigianato.
I progetti, già condivisi con i comuni della Città metropolitana, sono sviluppati da sei gruppi di studenti selezionati dalle cinque scuole legate alla creatività presenti in città: Ied, Isia, Polimoda, Università di Firenze e Accademia di belle arti. La candidatura coinvolge inoltre le associazioni, gli organismi e i soggetti legati al settore dell'artigianato nel territorio fiorentino. Sono circa 50 i soggetti che hanno partecipato attivamente agli incontri e agli otto tavoli tematici che si sono svolti a partire dall’aprile scorso per l’individuazione delle sei linee progettuali da proporre per il bando 2019. 
Una Mostra che cambia e punta tutto sull’eccellenza
Nei 55mila metri quadri espositivi dell’83esima edizione della Mostra Internazionale dell’Artigianato, MIDA2019, ci sarà spazio esclusivamente per 600 aziende, molte delle quali per la prima volta in fiera, selezionate in base a principi di alta artigianalità e innovazione delle lavorazioni. Inoltre, la durata della manifestazione alla Fortezza da Basso passerà da dodici a otto giorni: dal 24 aprile al primo maggio.
Queste trasformazioni creano una nuova piattaforma e servono per garantire la qualità degli espositori, in linea con la politica industriale del territorio indirizzata da Comune di Firenze, Camera di Commercio di Firenze, Regione Toscana e dal conseguente nuovo piano strategico di Firenze Fiera. Un passaggio indispensabile anche per attrarre un pubblico più qualificato e internazionale.
Per tutti gli espositori delle precedenti edizioni che non troveranno spazio all’interno della mostra, Firenze Fiera attiverà una serie di convenzioni per il riposizionamento in eventi e manifestazioni sul territorio, come per esempio la fiera di Scandicci e la Biennale enogastronomica.
Dentro la Fortezza caratterizzata da un allestimento contemporaneo, sostenibile e dal forte impatto scenico, per la prima volta non ci sarà una nazione ospite, ma ospiti saranno le eccellenze artigiane di Firenze e della Toscana, anche in omaggio alle creazioni di Leonardo Da Vinci, a 500 anni dalla morte. Fra le tante novità, la valorizzazione del su misura e delle lavorazioni dal vivo, lo spazio riservato all’artigianato digitale e ai maker, attività didattiche, gli incontri con i protagonisti dell’artigianato e del design.
Inoltre, ci sarà il progetto “Del mestiere di Leonardo: immaginare, progettare e realizzare il futuro”, che sonda nuovi modelli di sviluppo in parallelo fra artigiani e designer, a cura di Fondazione Architetti Firenze e Fondazione Giovanni Michelucci.
Fuori dalla Fortezza, la mostra continueràin città con manifatture aperte, installazioni ed eventi nelle piazze. L’edizione 2019 diventerà ancora più social coinvolgendo blogger e gli stessi artigiani digitali che saranno i veri protagonisti di una nuova community. 
La partnership con destinationflorence.com, il portale ufficiale per la promozione e commercializzazione dell'offerta culturale e turistica di Firenze, consentirà azioni mirate di promozione rivolte a turisti italiani e internazionali, anche con offerte che includeranno visite ai principali musei e alle attrazioni della città. Inoltre, la mostra sarà promossa fra gli operatori del settore con eventi calendarizzati B2B e B2C.
A garanzia del lavoro di reinvenzione e riposizionamento della fiera è stato costituito un Comitato scientifico composto da esperti di settore. Ne fanno parte: Andrea Aleardi (direttore della Fondazione Michelucci), Jean Blanchaert (gallerista di arti applicate), Carlo Francini (responsabile UNESCO per il Comune di Firenze), Elisa Guidi (direttrice di Artex), Maria Pilar Lebole (responsabile di OMA, Osservatorio mestieri d’arte), Alberto Nespoli e Domenico Rocca (architetti d’interni di EligoStudio e ambasciatori di wellmade). Coordina il comitato scientifico Massimo Torrigiani (curatore e fondatore dell’agenzia creativa Boiler).

Nicoletta Curradi

giovedì 22 novembre 2018

Il 23 novembre a Cortona la sesta edizione del Premio Semplicemente Donna





A pochi giorni dalla Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne, Cortona si prepara ad ospitare la sesta edizione del Premio Semplicemente Donna.
Sono dieci le protagoniste che riceveranno il riconoscimento, domani venerdì 23 novembre. Dieci premiate unite tra loro da storie che parlano di violenza ma anche di speranza e reazione, di impegno nella società civile. Storie anche di chi ha lottato e sta lottando per eliminare il fenomeno della violenza di genere attraverso il proprio lavoro.


La sesta edizione si aprirà con gli incontri nelle scuole. A partire dalle ore 9 di domani le protagoniste della sesta edizione incontreranno gli studenti del liceo Signorelli e dell'Isis Vegni mentre alle ore 21 la cerimonia di consegna presso il teatro Signorelli.


Il Premio Semplicemente Donna culminerà poi con i due appuntamenti sabato mattina. Alle ore 10 nella sala medicea del Maec di Cortona, il procuratore generale di Firenze, il dottor Marcello Viola, e Vittoria Doretti, responsabile regionale e ideatrice del "Codice rosa", prenderanno parte ad un incontro con gli studenti cortonesi. Una tavola rotonda dal titolo "Magistrato e medico, uomo e donna, la vita e la professione dedicata alla difesa di tutti”.


Ad Arezzo alle ore 11 in collaborazione con il club Soroptimist le premiate Widad Akrey e Filomena Lamberti incontreranno alcuni studenti del Liceo Classico 


I protagonisti del Premio Semplicemente Donna
Marcello VIOLA - "Personaggio uomo per i diritti umani"
Lucia GORACCI - "Giornalismo per i diritti umani"
Natasa KANDIC - "Impegno sociale e civile"
Wydad AKREY - "Diritti Umani"
Filomena LAMBERTI - "Donna coraggio"
Lucia VOTANO - "Ricerca scientifica"
Eleonora DANIELE - "Premio per l'informazione"
Anna AMATI - "Imprenditoria per il sociale”
H.H. Al Reem Al Tenaiji - "Donna per la pace"
Progetto "Come a casa" - Premio speciale "SOS Villaggio dei bambini"

Nicoletta Curradi

Il 23 novembre la sesta edizione del Premio Semplicemente Donna



A pochi giorni dalla Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne, Cortona si prepara ad ospitare la sesta edizione del Premio Semplicemente Donna.
Sono dieci le protagoniste che riceveranno il riconoscimento, domani venerdì 23 novembre. Dieci premiate unite tra loro da storie che parlano di violenza ma anche di speranza e reazione, di impegno nella società civile. Storie anche di chi ha lottato e sta lottando per eliminare il fenomeno della violenza di genere attraverso il proprio lavoro.


La sesta edizione si aprirà con gli incontri nelle scuole. A partire dalle ore 9 di domani le protagoniste della sesta edizione incontreranno gli studenti del liceo Signorelli e dell'Isis Vegni mentre alle ore 21 la cerimonia di consegna presso il teatro Signorelli.


Il Premio Semplicemente Donna culminerà poi con i due appuntamenti sabato mattina. Alle ore 10 nella sala medicea del Maec di Cortona, il procuratore generale di Firenze, il dottor Marcello Viola, e Vittoria Doretti, responsabile regionale e ideatrice del "Codice rosa", prenderanno parte ad un incontro con gli studenti cortonesi. Una tavola rotonda dal titolo "Magistrato e medico, uomo e donna, la vita e la professione dedicata alla difesa di tutti”.


Ad Arezzo alle ore 11 in collaborazione con il club Soroptimist le premiate Widad Akrey e Filomena Lamberti incontreranno alcuni studenti del Liceo Classico 


I protagonisti del Premio Semplicemente Donna
Marcello VIOLA - "Personaggio uomo per i diritti umani"
Lucia GORACCI - "Giornalismo per i diritti umani"
Natasa KANDIC - "Impegno sociale e civile"
Wydad AKREY - "Diritti Umani"
Filomena LAMBERTI - "Donna coraggio"
Lucia VOTANO - "Ricerca scientifica"
Eleonora DANIELE - "Premio per l'informazione"
Anna AMATI - "Imprenditoria per il sociale”
H.H. Al Reem Al Tenaiji - "Donna per la pace"
Progetto "Come a casa" - Premio speciale "SOS Villaggio dei bambini"

Nicoletta Curradi

mercoledì 21 novembre 2018

La X Conferenza Internazionale di FUA

RARE AND UNIVERSAL:
Leonardo's Humanism
Across Time and Space
X Conferenza Internazionale organizzata da FUA - Florence University of the Arts in collaborazione con Stony Brook University di New York 



Venerdì 30 novembre e sabato 1 dicembre 2018 avrà luogo a Firenze la X edizione della Conferenza Internazionale organizzata da FUA - Florence University of the Arts in collaborazione con Stony Brook University di New York, dal titolo RARE AND UNIVERSAL: Leonardo’s Humanism Across Time and Space.

Questo evento si inserisce nel contesto delle celebrazioni internazionali per il 500° anniversario della morte di Leonardo, previste per il 2019.

L’inaugurazione della conferenza si svolgerà invecevenerdì 30 novembre, alle ore 9, nella Sala Ferri del Gabinetto Viesseux a Palazzo Strozzi.

Il Keynote Speech sarà tenuto da Elisabetta Scungio, responsabile del progetto relativo all’Anno del Patrimonio Europeo, del Ministero per i Beni e Attività Culturali, che parlerà dell’eredità di Leonardo nel 2018.

Interverranno anche Alessandro Vezzosi, direttore del Museo Ideale di Leonardo da Vinci, Maurizio Seracinidi Editech ePaolo Ermini, direttore del Corriere Fiorentino.

La giornata proseguirà nella sede della Florence University of the Arts in Corsi Tintori 21, nel Palazzo Bombicci Guicciardini Strozzi.

Il pranzo, come tutti i coffee break, saranno offerti da FUA e preparati dagli studenti dei corsi di cucina di Apicius International School of Hospitality.

Il pomeriggio si aprirà con riflessioni sull’arte leonardiana, proseguendo poi sui temi più disparati, come Leonardo e il Cinema, i Diritti Umani, il Genio universale, la Religione.

Sabato 1 dicembrela conferenza continuerà per tutta la giornata a Palazzo Bombicci Guicciardini Strozzi con tanti interventi organizzati dagli studenti FUA e da una serie di professori e dottori di ricerca che provengono da molte università italiane - come Università di FirenzeUniversità L’Orientale di Napoli, Università La Sapienza di Roma, Università di Bologna, -  e internazionali, come Stony Brook, Westfield State University, Fairfield University,  Oglethorpe University, Rutgers University. 

I temi che affronteranno riguarderanno il teatro, la prospettiva, la civilizzazione delle macchine, il Made in Italy, la moda, il design, l’intrattenimento, la sessualità, il simbolismo, e le emozioni.

L’iniziativa fa parte del calendario degli eventi eventi dell'Anno Europeo del Patrimonio Culturale 2018, iniziativa del Ministero per i Beni e Attività Culturali e del Turismo.

Per ulteriori informazioni sulla conferenza www.fua.it- email: conferences@fua.it- Cell. 393 5399065

Nicoletta Curradi 

Il nuovo Siimbiosi Organic Cafè & Lovely Bistrot




A 3 anni dalla prima apertura, la famiglia Simbiosi si allarga: l’ultimo nato sarà aperto tutti i giorni dalle 8 alle 22 

Una carta del caffè che riporta origini, torrefazione e caratteristiche di ogni tipo di miscela,m a spiega anche preparazioni e costi. Una scelta di estratti stagionali, the e bevande bioe  una selezione di etichette particolari, da condividere in compagniao  da provare sotto forma di cocktail fuori dai soliti schemi



 Una carta del caffè che si legge come quella dei vini, una scelta di materie prime e fornitori interamente improntata al bio e una selezione di etichette particolari, principalmente made in Tuscany, da accompagnare a taglieri, tartare, crostoni e tapas, per una giornata che può essere “organic” dalla colazione al drink dopo cena: in via Ginori 64r, a metà strada tra il Duomo e piazza San Marco, apre Simbiosi Organic Cafè & Lovely Bistrot. A tre anni dall’inaugurazione della pizzeria Simbiosi, sempre in via Ginori, la famiglia si allarga: l’ultimo nato sarà aperto da giovedì 29 novembre tutti i giorni dalle 8 alle 22 (sab-dom ore 9-22).
Il fulcro del progetto, nato nel 2015 con la pizzeria e ampliato poi con il ristorante e lo street food, resta l’attenzione al biologico, che qui si fonde con un’altra passione: quella per il coffee specialty, ovvero un caffè di altissima qualità, privo di difetti e nel quale si possano riconoscere caratteristiche tipiche del territorio di provenienza. Dietro il banco, infatti, c’è Francesco Nieri, grande appassionato di caffè formatosi alla scuola di Francesco Sanapo, colui che ha fatto da apripista allo specialty in Italia e in particolare a Firenze. Quattro le torrefazioni coinvolte nel progetto Simbiosi: Ditta Artigianale, fondata dallo stesso Sanapo, La Tosteria, con sede a Lastra a Signa, D612, vera e propria microrostery fiorentina gestita da Lucian Trapanese, Nero Scuro, piccola torrefazione che propone solo caffè specialty spesso proveniente da microlotti, ovvero piccoli appezzamenti di piantagione assimilabili al concetto di cru nel vino.
Le affinità con il mondo enologico non finiscono qui. “La carta dei caffè – afferma Nieri – è presentata come quella dei vini: riporta nome, torrefazione, caratteristiche aromatiche, varietà, zona di provenienza e, infine, possibili preparazioni”. Non solo espresso: qui è possibile provare anche le tendenze internazionali del momento, una su tutte il caffè filtro, ottenuto con tre differenti procedure (V60, Aeropress, Cold Brew). La carta spiega anche perché una tazzina da Simbiosi costa qualche centesimo in più del solito (da 1,20 euro per l’espresso ai 3,5 euro per un Coldbrew). “Il caffè che utilizziamo segue un'accurata selezione in piantagione, vengono scartati i chicchi non buoni e scelte solo le bacche al giusto livello di maturazione. Il procedimento è simile a quello utilizzato per un vino pregiato”. Attenzione anche alla macchina del caffè, realizzata interamente a mano da Marzocco. “Si tratta di una Leva – spiega Nieri - la prima montata a Firenze, unica nel suo genere, che fonde la manualità del passato con la tecnologia più avanzata”. Anche lo zucchero è particolare: si va dal più raffinato Svaziland, con sentore di vaniglia, al meno trattato Mauritius, con note di liquirizia, fino al più integrale Muscovado, meno dolce e dagli aromi di melassa.
Cinquanta metri quadrati, 15 posti a sedere, Simbiosi Organic Cafè & Lovely Bistrot mantiene lo stile post-industrial degli altri ambienti, mixato con pezzi vintage e arte contemporanea, che qui si esplicita su un’intera parete realizzata con fondi di caffè dall’artista Giuseppe Battaglia.
Al bancone solo 5 posti a sedere, ideali per assistere in diretta alla preparazione di caffè e cocktail, partecipare a degustazioni e particolari serate dedicate al wine sharing, una pratica già diffusa all’estero ma poco praticata in Italia: si apre una bottiglia di pregio e si condivide un calice a testa con amici o anche sconosciuti che hanno aderito all’iniziativa promossa online. Il vino rappresenta l’altra anima di Simbiosi Cafè, che mira a diventare il nuovo punto di riferimento per le produzioni naturali. Una cinquantina le etichette in carta, in costante crescita, sempre con un occhio di riguardo al bio e al biodinamico. Il collegamento con la cucina del ristorante Simbiosi, curata da Domenico Gatto, farà da contraltare, permettendo di organizzare degustazioni e particolari abbinamenti tra vino e cibo.
Taglieri, crostoni e tartare, tutti rigorosamente con ingredienti di stagione, rappresentano la spina dorsale del menu sulla quale si innestano le preparazioni dedicate al mattino (tre tipi di cornetto, muffin, cupcake e torte), bowl con vari tipi di cereali per la colazione, tramezzini e altri pezzi salati in chiave gourmet da consumare in qualunque momento della giornata, zuppe e insalate per il pranzo e tapas per l’aperitivo.
Anche i distillati sono altamente selezionati: per lo più toscani, alcuni interamente bio (tra cui il gin fiorentino Peter in Florence), sempre premium. La lista dei cocktail segue la filosofia “pochi ma buoni”, alternando vintage drink (Boulevardier, Dry Martini Original, Aviation) a grandi classici rivisitati (come il Sailor Negroni o il Sunday Bloody). Spazio anche agli analcolici, preparati con frutta fresca pestata, disponibile dal mattino alla sera anche per produrre estratti e smoothies. Completano la carta una selezione di the, centrifugati e bevande analcoliche. Tutti naturalmente bio.


Simbiosi Organic Cafè & Lovely Bistrot


via Ginori 64r, Firenze
tel. 055 0640115
lun-ven 8-22, sab-dom 9-22

Facebook: https://www.facebook.com/simbiosiorganic/


Fabrizio Del Bimbo 



giovedì 15 novembre 2018

Presentato il sesto Palio degli Esercizi Storici Fiorentini




Torna l’appassionante appuntamento con il Palio dell’Associazione degli Esercizi storici tradizionali e tipici fiorentini, evento che da ormai sei anni fonde la storia e tradizione delle aziende fiorentine a quella dell'Ippodromo del Visarno.
Il Palio si terrà domenica 18 novembre, a partire dalle 12,30, e sarà come sempre un momento di importante promozione per gli esercizi storici della città, che culminerà con l’aggiudicazione del bellissimo drappo disegnato e realizzato appositamente per il Palio da Roberto Cavalli.

La sesta edizione della manifestazione ha ricevuto il patrocinio della Regione Toscana e del Comune di Firenze e conferma l'impegno benefico della manifestazione che quest'anno si lega ancor più con il territorio, devolvendo il ricavato all'acquisto dei costumi del Corteo del Calcio storico, che dopo la bellissima sfilata dello scorso anno fa posto anche alle “Vecchie Glorie” del Calcio storico che si esibiranno in una partita “amichevole” nell’area dell’ippodromo davanti agli spalti.

Il programma si presenta, come sempre, molto ricco. Il via ufficiale è previsto per venerdì 16 novembre, con il tradizionale abbinamento cavallo-esercizio storico che si terrà presso la sede del calcio Storico in Palagio di Parte Guelfa.

Le corse avranno inizio domenica alle 12,30, con la formula tradizionale: prima le batterie eliminatorie, dalle quali usciranno gli esercizi finalisti, quindi la corsa che aggiudicherà il drappo e il regalo offerto dal vincitore dello scorso Palio. Durante tutta la giornata, i visitatori potranno conoscere da vicino l’attività di alcune delle botteghe storiche che fanno parte dell’Associazione. Sarà anche possibile per l’occasione pranzare degustando i prodotti tipici messi a disposizione dalle stesse botteghe.
Non mancheranno momenti dedicati all’intrattenimento.

Fabrizio Del Bimbo 


martedì 30 ottobre 2018




France Odeon festeggia i 10 anni
Per la speciale ricorrenza, il festival del cinema francese a Firenze propone cinque giorni di grande cinema nei
tre luoghi che lo hanno reso famoso: il cinema La Compagnia (31 ottobre - 2 novembre), l’Institut Français (convegno, 2 novembre) e il Cinema Odeon (3 e 4 novembre)
Tra gli ospiti, Madalina Ghenea, Laura Morante, Francesco Bruni, Clotilde Courau, Valeria Bruni Tedeschi, Vanessa Guide, Christophe Montenez e Anaïs Demoustier
16 film in anteprima assoluta, 12 in concorso e 4 fuori concorso
La pianista Eliane Reyes eseguirà dal vivo brani della colonna sonora di Schindler's list, come gesto di solidarietà per le vittime della sinagoga di Pittsburgh
Un traguardo importante per il festival del cinema francese a Firenze, France Odeon, arrivato quest'anno alla decima
edizione. Diretto da Francesco Ranieri Martinotti, France Odeon quest'anno propone un'edizione del tutto speciale, andando a coinvolgere tre location cittadine: il cinema La Compagnia, dove si terrà l'inaugurazione e la prima parte del programma (31 ottobre – 2 novembre); l'Institut Français di Firenze, dove si terrà il consueto convegno che mette a confronto il cinema francese con quello italiano – e che nelle scorse edizioni è stato un laboratorio di idee che ha dato un
importante contributo alla nuova legge sul cinema – (2 novembre); il cinema Odeon, dove si terrà la seconda parte del programma (3 e 4 novembre).
L’inaugurazione, mercoledì 31 ottobre, ore 18.30, vede sul palco del cinema La Compagnia l’ambasciatrice del Festival
Madalina Ghenea e in platea un parterre d’eccezione per festeggiare il cinema francese, composto dalla giuria del Festival (Laura Morante, Francesco Bruni, Esmeralda Calabria e Simona Tabasco), e da molti ospiti come Clotilde
Coureau, Miriam Candurro, Francesca Valtorta, Anna Ferraioli Ravel ed Eugenia Costantini. In questa occasione, sarà consegnato il Premio “L’essenza del talento”, realizzato in collaborazione con Salvatore Ferragamo Parfums, a
Vanessa Guide (Comme des garçons) e Christophe Montenez (Le retour du héros). Sono inoltre previsti intermezzi
musicali della pianista Eliane Reyes, che, in seguito all'attentato nella sinagoga di Pittsburgh, eseguirà, tra gli altri, il tema di Schindler's list, come gesto di solidarietà e vicinanza alle famiglie delle vittime. Seguirà il film di apertura della
decima edizione, Le retour du héros di Laurent Tirard, con Jean Dujardin, Mélanie Laurent e Christophe Montenero (distribuzione italiana di Eagle Pictures).
Sarà un’edizione ricca e variegata, con dodici film in concorso e quattro fuori concorso tra cui l’omaggio a Pascal
Thomas, À cause des filles… et des garçons!?. La selezione può contare su molti titoli assolutamente inediti e concessi in esclusiva a France Odeon da Movies Inspired (Première année di Thomas Lilti e La dernière folie de Claire Darling
di Julie Bertuccelli con Catherine Deneuve e Chiara Mastroianni), BIM Distribuzione (Un homme pressé di Hervé Mimran con Fabrice Luchini) e Eagle Pictures, oltre che su alcuni titoli che potrebbero, con l’occasione del Festival,
trovare un distributore italiano. È questo il caso per Sauver ou périr, di Frédéric Tellier, presentato sabato 3 novembre alle 16:30 in anteprima mondiale alla presenza dell’attrice protagonista Anaïs Demoustier e di una nutrita delegazione
del corpo dei Vigili del Fuoco di Firenze. Il film, infatti, racconta della vicenda di un giovane vigile del fuoco parigino
(Pierre Niney), che deve ricostruire la sua vita dopo un grave incidente sul lavoro. Altro inedito assoluto, Comme des garçons di Julien Hallard, presentato in occasione dell’evento “Groupama per il Cinema e lo Sport”, che racconta
come è nata la prima squadra di calcio femminile in Francia. Ad accogliere la protagonista femminile Vanessa Guide,
saranno le calciatrici della squadra di calcio Fiorentina Women’s FC. Infine, di Philippe Le Guay, regista di Molière in bicicletta, venerdì 2 novembre alle 22.30, sarà proiettato, alla sua presenza, Normandie nue, commedia con François Cluzet e Toby Jones.  titoli provenienti da Venezia, il 1 novembre alle 22:15, Frères ennemis di David Oelhoffen, tra poco nelle sale italiane
per i tipi di Europictures, e Les estivants di Valeria Bruni Tedeschi (Lucky Red), sabato 3 alle 22:00 al cinema Odeon.
 In questa occasione, Valeria Bruni Tedeschi riceverà il premio Foglia d’Oro d’onore. Grande serata di chiusura domenica
4, a partire dalle 17:00 con Guy di Alex Lutz alla presenza del regista. A partire dalla storia del cantautore francese Guy Jamet, dopo la consegna dei Premi Foglia d’Oro Manetti Battiloro, l’autore della colonna sonora del film, Vincent
Blanchard, suonerà dal vivo, insieme ad Alex Lutz, Romain Greffe e alle coriste Alyssa Landry e Camille Favre- Bulle, alcuni brani del film di chiusura di France Odeon 2018.
Al grande produttore francese di origini toscane, Jean-Louis Livi, saranno consegnate le Chiavi della Città dal Sindaco
Nardella sabato 3 novembre (ore 10:00) a Palazzo Vecchio. La famiglia Livi, originaria di Monsummano, fu costretta a
lasciare la Toscana per sfuggire alla violenza delle squadre fasciste e si trasferì a Marsiglia, dove nacquero il padre di Jean-Louis e suo zio, Yves Montand. Alla vita del produttore di Alain Resnais è dedicato Rien n’est jamais gagné,
documentario diretto da Philippe Le Guay (sabato 3 novembre, ore 10:00, cinema Odeon).
Nell’ambito dei consueti incontri di France Odeon, venerdì 2 novembre, ore 10:00 all’Institut Français si svolgerà il simposio “Italia, Francia: immaginario comune”, che si pone come obiettivo di indagare su come registi, scrittori,
attori, musicisti, artisti e couturiers italiani e francesi si siano ispirati a un immaginario comune per la propria opera. Tra
i partecipanti, Marc Lazar (Sciences Po-Parigi),Italo Rota (architetto e designer), Serge Brunshwig (AD Fendi), Cinzia Pasquali (storica dell’arte), Gloria Satta (Messaggero), Gian Luca Farinelli (Cineteca di Bologna) e Clet (street artist).
Tra le iniziative editoriali, la pubblicazione del libro France Odeon: dieci anni di cinema francese a Firenze, curato da
Valentina Grazzini e edito dalla Lorenzo de’ Medici Press. Inoltre, in collaborazione con la libreria Feltrinelli, in via de’ Cerretani 40, sabato 3 novembre alle 17:30 si terrà la presentazione del libro di Laura Morante Brividi Immorali (edizioni La Nave di Teseo).
Come ogni anno, il festival è organizzato con il sostegno di Regione Toscana, Comune di Firenze, Mibact, Institut
Français di Firenze, Fondazione Sistema Toscana, Ambasciata di Francia in Italia, Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze, Salvatore Ferragamo Parfums, Groupama, BNL. Con il patrocinio di Rai. Media partner: Rai Movie ed Elle.
Biglietti intero: 
euro 8, 
Ridotto: euro 7
Abbonamento a 5 spettacoli: euro 30
Abbonamento 10 spettacoli: euro 50
Biglietto evento di chiusura: euro 10

Fabrizio Del Bimbo 

lunedì 29 ottobre 2018

Crossing doors al Teatro della Limonaia di Sesto Fiorentino


T.R.A.M Teatro di Residenza Artistica Multipla
TEATRO DELLA LIMONAIA di Sesto Fiorentino




CROSSING DOORS
distanza e prossimità contemporanea
spettacoli  / residenze /  incontri

4 novembre > 16 dicembre 2018
T.R.A.M.
Teatro della Limonaia di Sesto Fiorentino  
Direzione artistica AttoDue | Company Blu | Ass. Teatro della Limonaia


Questa prima parte di stagione del Teatro della Limonaia di Sesto Fiorentino, intende stimolare una riflessione su quanto ci accade ogni giorno e che, prevedibile o a volte meno, ci sottopone a una realtà che assume spesso la forza di un destino umanamente ineluttabile e cinico.

Il programma presenta spettacoli che inseguono le tracce di esperienze umane, artistiche e culturali. Lavori teatrali e coreografici che indicano la “soglia”, ciò che ci separa e/o ci accomuna - nella immediatezza del quotidiano e della sua narrazione - dalla percezione della realtà.

“Attraversando porte” nei due sensi possibili, per entrare e chiuderci dentro, cercando di isolare un esterno che non vogliamo più interpretare o sopportare, o forse per uscire, chiudendo dietro di noi quella porta che ci teneva lontani dal mondo. Uscire con una piccola valigia per continuare a fare quel viaggio di conoscenza che ci rende umani, come l’immagine che accompagna il nostro programma di spettacoli.

La volontà di contenere (o evadere) le fratture e le molte interruzioni del piano di senso quali la violenza, l’apatia, la rabbia, è una esigenza di mediazione che muove anche la Ricerca artistica a nuove soluzioni, a trovare nuovi comportamenti e alternative nel tentativo di raccontare il frastagliato pluralismo di un “oggi” caratterizzato da micro visioni soggettive che restituiscono e amplificano le disgregazioni di una società eternamente al presente.

Il teatro è una porta che invita a fermarsi nel momento in cui si apre (o si chiude).
Un invito a sostare e a guardare di nuovo, ad ascoltare il presente e confrontarlo con il passato, affinché “quel passo” da fare sia un gesto consapevole e compiuto.

Direzione artistica T.R.A.M.



Sesto T.R.A.M. • TEATRO DI RESIDENZA ARTISTICA MULTIPLA
Stagione Teatrale #1 _ 2018/2019
4 NOVEMBRE > 16 DICEMBRE 2018
TEATRO DELLA LIMONAIA
via Gramsci  426 - Sesto Fiorentino (FI)

Company Blu • AttoDue • Ass. Teatro della Limonaia
COMUNE DI SESTO FIORENTINO

  • DOMENICA 4 NOVEMBRE ore 17.00
Compagnia Pilar Ternera - Nuovo Teatro Delle Commedie
SCENE DI LIBERTÀ
di Jan Friedrich – traduzione Serena Grazzini e Francesca Leotta
con Giulia Gallone, Glora Carovana, Giacomo Masoni, Marco Fiorentini, Saverio Ottino
regia Francesco Cortoni
produzione: Compagnia Pilar Ternera – Nuovo Teatro delle Commedie

Cinque giovani berlinesi, protagonisti del dramma, hanno piena libertà sia nel muoversi che nel fare esperienze anche sessualmente estreme, ma non riescono ad amare e ad amarsi. Senza retorica, l'autore, ci restituisce una generazione di ventenni con un profondo bisogno di affetti e che si incantano dinanzi alla possibilità di prendere uno Shuttle e abbandonarci su questa terra.
Scene di libertà è un pugno nello stomaco. Stordisce da quanto è lucido e diretto.


  • SABATO 10 NOVEMBRE ore 21.00
Aiep - Ariella Vidach
MINORITIES REPORT
idea e regia Claudio Prati e Ariella Vidach
coreografia Ariella Vidach
interpreti 5 danzatori / comp. AiEP
produzione  2017/ AiEP con il sostegno di Next – Regione Lombardia, MIBAC Roma, Comune di Milano.

Che cosa significa nell’era delle nuove cittadinanze e della globalizzazione la coreografia contemporanea? È possibile concepirla senza prendere atto delle differenze dei corpi, della contaminazione tra i linguaggi, dei nuovi scenari estetici?  Il lavoro indaga il corpo e la danza come sistema di relazioni, esplorando le frontiere del linguaggio e le tradizioni, come elementi permeabili di trasmissione e incontro tra culture.

  • a seguire

FRAMES  / residenza artistica
di e con Nicola Simone Cisternino, Maria Vittoria Feltre, Luca Zanni
Residenza artistica nell'ambito del progetto “ARTISTI NEI TERRITORI • Art.43 D.M. Luglio 2014 con il sostegno di MiBAC, Regione Toscana, Città Metropolitana di Firenze

Il progetto nasce dall’incontro di tre danzatori che hanno come obiettivo la condivisione del proprio modo di intendere ed esperire il movimento corporeo: una flat collaboration dove ognuno mette a disposizione esperienze, idee, punti di vista e frammenti di conoscenza.


  • SABATO 17 NOVEMBRE 2018 ore 21.00
Errante Teatro Danza
BEFORE I WAS BORN
concept  Silvia Morandi
regia Silvia Morandi, in collaborazione con il gruppo di interpreti Iosu Lezameta, Silvia Morandi, Vlastimil Viktoria, Miriam Zarbo.

Sul tavolo le foto di nonna. Tiene la mamma per mano, ancora una bambina. Il viso di mamma è leggermente imbronciato. Di questa foto non so nulla. Nelle rare occasioni in cui l'ho vista mi ha sempre colpita la tinta scura dei vestiti, un color seppia che sa di antico. Quella foto mi ha sempre rimandato un senso di distanza, di estraneità ad un tempo in cui non ero ancora nata e la mamma e la nonna, che avevo conosciuto da adulte, vivevano la propria infanzia e giovinezza.

  • a seguire

VEGETALE A CHI? / residenza artistica
ideazione e creazione di Carolina Amoretti, Cristina D’Alberto, Martina Francone, Sara Campinoti
Residenza artistica nell'ambito del progetto “ARTISTI NEI TERRITORI • Art.43 D.M. Luglio 2014 con il sostegno di MiBAC, Regione Toscana, Città Metropolitana di Firenze

“Vegetale a chi?”: fase embrionale di un percorso d’indagine che si ispira all’intelligenza vegetale, alla capacità di adattamento e trasformazione delle piante, al loro silenzioso accordo per condividere uno stesso spazio. L’obiettivo è reinterpretare le azioni umane prendendo in prestito quelle del mondo vegetale
  • SABATO 24 ore 21.00 e DOMENICA 25 NOVEMBRE ore 17.00
Attodue
BLOODY MARY  prima nazionale
di Francesco Mancini
adattamento Massimo Conti, Francesco Mancini
regia, scene, luci, costumi Massimo Conti
con Francesco Mancini
produzione Attodue

Una donna dichiara di essere stata ammazzata e di essere nata.
La donna sta in casa. Come una Ferrari chiusa in garage. E' soffocata dalle tendine delle finestre, guarda la televisione fatta di facce sorridenti che la fanno sentire ancora più sola. Se ne va in giro per le strade con il suo squarcio dalla gola all'inguine che sfoggia senza ritegno, anzi con orgoglio, dando scandalo e mostrando a tutti l'orrenda ferita dalla quale provengono e verso la quale torneranno. Per poi volare via, attraverso i sette cieli, come un angelo finalmente libero.


  • SABATO 1 DICEMBRE  ore 21.00
I GIARDINI DI KENSIGTON / residenza artistica
uno spettacolo di e con Elisa Pol e Valerio Sirna
elaborazione del suono Flavio Innocenti e Valerio Sirna
Residenza artistica nell'ambito del progetto “ARTISTI NEI TERRITORI • Art.43 D.M. Luglio 2014 con il sostegno di MiBAC, Regione Toscana

L'opera trae le sue origini da una sorta di fenomenologia della casa, dei luoghi in cui si crea presenza e che possono essere abitati da una coppia, i luoghi della relazione e della coabitazione. Cosa vuol dire essere intimi ed essere accanto? Cosa significa vivere insieme?
Come sono le nostre case e come ci viviamo?
Progetto finalista premio Scenario 2017


  • DOMENICA 2 DICEMBRE ore 17.00
Capotrave / Kilowatt - Infinito
LA LOTTA AL TERRORE
ideazione e drammaturgia Lucia Franchi e Luca Ricci
con Simone Faloppa, Gabriele Paolocà, Gioia Salvatori
regia Luca Ricci
produzione Capotrave|Kilowatt - Infinito

La lotta al terrore è la storia drammatica e al contempo comica di un attacco terroristico a un supermercato visto dall’esterno, dalla prospettiva di una sala riunioni comunale, dove all’improvviso giunge la terribile notizia. Un’ora concitata, una totale unità di tempo e spazio, in cui un impiegato, il segretario comunale e il vicesindaco elaborano numerose e a tratti improbabili strategie per rendersi utili.


  • GIOVEDI’ 6 e VENERDI’ 7  DICEMBRE 2018 ore 21.00
Company Blu
SEA RANT  Declamare il mare (primo studio) attraversamento, relazione, piacere
ideazione, testualità e coreografie Charlotte Zerbey
in collaborazione con Alessandro Certini
interpreti Giulia Gilera, Isabella Giustina, Pietro Pireddu, Arabella Scalisi
sound design Spartaco Cortesi
testo rant, voce Charlotte Zerbey, Alessandro Certini
luci Vincenzo Alterini
organizzazione Matteo SIracusano

Alla base del progetto coreografico è il valore della ribellione, capace di unire gli animi (e i corpi) ed accompagnarli attraverso lo spazio del rischio della bellezza e dell’immaginazione. Ispirato alla poesia Rant e alla Beat generation, il lavoro immagina collettivamente una indispensabile rivoluzione del sé.
  • SABATO 15 ore 21.00 e DOMENICA 16 DICEMBRE ore 17.00
Attodue / Compagnie La Rumeur
UN FIGLIO DEL NOSTRO TEMPO
Liberamente tratto  dall’omonimo romanzo di Odon von Horvarth
Regia Patrice Bigel
Con: Filippo Baglioni, Gabriele Bonafoni, Giacomo Lorenzoni, Niccolò Pacini, Isabella Quaia
produzione: Attodue\Compagnie La Rumeur

Un figlio del nostro tempo,  scritto dall’autore in prima persona, racconta il percorso iniziatico di un giovane disoccupato che, vivendo in difficili condizioni in un paese in piena crisi economica dove non intravede alcuna prospettiva, spera di trovare una vita migliore arruolandosi nell’esercito.


----------------------------

Anteprima STAGIONE TEATRALE RAGAZZI  / TRAM Linea_Ragazzi

13 gennaio 2019
LA PRINCIPESSA E IL DRAGO
TEATRINO DEI FONDI

20 gennaio 2019
NEMICI NEGAT(T)I
COMPANY BLU

03 febbraio 2019
GNOMI
COMPANY BLU

10 febbraio 2019
IL BAMBINO DEI TAPPETI
TEATRI D’IMBARCO

17 febbraio 2019
LA STORIA DI PREZZEMOLINA
PUPI DI STAC

24/25 Aprile 2019
ESSERE IN VOLO il valore della leggerezza
COMPANY BLU
----------------------------



T.R.A.M. Teatro di Residenza Artistica Multipla
TEATRO DELLA LIMONAIA
via Gramsci, 426 Sesto Fiorentino

INFO E PRENOTAZIONI:

ATTODUE
info@attodue.net - tel. 055 4206021
biglietti [prosa]: intero € 13 / ridotto € 10

COMPANY BLU
companyblu@companyblu.it - tel. 055 440265
biglietti [danza]: intero € 10 / ridotto € 7

ASS. TEATRO DELLA LIMONAIA
info@teatrodellalimonaia.it - tel. 055 440852
biglietti [prosa]: intero € 5

www.teatrodellalimonaia.it

Fabrizio Del Bimbo

TuttaToscana

Dove, come, quando e perchè?
Mostre, eventi, folklore, avvenimenti, cultura, teatro...